L'UFO di Natale

Click here to load reader

  • date post

    24-Jul-2016
  • Category

    Documents

  • view

    214
  • download

    0

Embed Size (px)

description

©2014 Coccole books Srl

Transcript of L'UFO di Natale

  • A nonna Irene

  • Sandrino non stava pi nella pelle! Aveva organizzato tutto per bene, dal primo giorno di vacanza: scarponcini sotto il letto, giacca a vento

    dietro la porta della sua camera e, tanto per essere pronto, stasera aveva anche la sciarpa sopra il pigiama.

    Sembrava vestito per una festa, invece era solo andato a dormire.

    Questa la volta buona, ne sono sicuro! pensava.Era sotto le coperte, ma si girava come uno spiedino: non riusciva a dormire... era troppo emozionato

    e le noccioline americane che aveva mangiato davanti alla TV, ora saltellavano nel suo stomaco come

    impazzite. Ma era la notte di Natale e quindi

    quello che lui aspettava

    doveva succedere!!

  • Questa notte sar fantastica, anzi incredibile! si ripeteva convinto Il mio alieno verr a prendermi. Mi far salire sulla sua mega-galattica astronavee voleremo alla scoperta di altri pianeti. Il mio ufo cerca un bambino come me, mica un tipo qualunque!!

    Insomma se in questa notte magica, Babbo Natale porta i regali a tutti i bambini del mondo,

    perch non dovrebbe esserci un alieno lass nello spazio, che vuole per amico proprio me?

    Tutto era iniziato con un libro, che aveva ricevuto, quando gli era caduto uno dei suoi ultimi dentini.

    Insieme al soldino, aveva trovato la storia di un piccolo principe, che viveva su un pianeta lontano e che

    era partito per scoprirne di nuovi. Mentre Sandrino ripensava alle avventure del principe bambino...

    una luce invase la sua stanza!

  • Era come se un tir con i fari accesi si fosse fermato proprio davanti alla sua finestra.

    Sandrino si alza, infila le scarpe velocemente, afferra al volo la giacca a vento e sale a bordo.

    Ed eccolo l il suo amico alieno.Non verde, non ha i tentacoli, non ha tre occhi.

    proprio come lo aveva immaginato: piccolo, le orecchie quasi invisibili, due occhi grandissimi che

    luccicano e sorpresa! tutto rosa, un bel rosa confetto, come quello del culetto dei bambini piccoli, come quello dei porcellini appena nati.