Non tutta la Cavalleria e sempre Rusticana · Web viewc’ava a finiri accussì! Na car ù sa non...

of 61 /61
Non tutta la Cavalleria è sempre Rusticana di Domenico Platania NON TUTTA LA CAVALLERIA E’ SEMPRE RUSTICANA di Domenico Platania Dicembre 2010 1

Embed Size (px)

Transcript of Non tutta la Cavalleria e sempre Rusticana · Web viewc’ava a finiri accussì! Na car ù sa non...

Non tutta la Cavalleria e sempre Rusticana

Non tutta la Cavalleria sempre Rusticana

di Domenico Platania

NON TUTTA LA

CAVALLERIA

E SEMPRE

RUSTICANA

di

Domenico Platania

Dicembre 2010

La commedia Non tutta la Cavalleria sempre Rusticana, la parodia del noto dramma teatrale di Verga, e non solo, poich non tralascia di prendere spunto anche dalla novella dello stesso autore e dal melodramma operistico di Mascagni. Il percorso narrativo quasi identico, manca, come meglio spiegato sotto, il pathos che invece si respira nelle opere citate. In compenso, si parler damore, si canter, si danzer e si rider. Puntualmente, la commedia sar chiusa dal canonico duello, ma il confronto fra Turiddu e Jaffieddu sar tutto da ridere.

Il messaggio contenuto nel titolo della commedia chiaro: non detto che la Cavalleria Rusticana, cio quel modo di agire ispirato al codice donore, in uso in certi ambienti popolari e contadini, debba per forza di cose sfociare nel dramma dellomonima opera di verghiana memoria.

Certo, inizialmente non facile immaginare un epilogo diverso da quello che conosciamo se si continua, come abbiamo fatto noi, a collocare la vicenda in una Sicilia storica ormai superata, dove i modelli di vita sono impregnati di antichi stereotipi.

Ma se si stemperano i toni aspri del testo originale, pur conservandone lessenzialit dei personaggi e la linearit narrativa, svigorendone la durezza dei sentimenti e lintransigenza dei costumi, si ottiene qualcosa di diverso. Cio, cos filtrata, la Cavalleria Rusticana, diventa certamente unaltra storia!

Se poi a questo si aggiunge qua e l qualche pizzico di umorismo non grossolano, un po di semplice autoironia e, nelle dosi giuste, dei testi musicali appropriati, ecco che, voil, Non sempre la Cavalleria sempre Rusticana!

Di certo, (e vogliamo mettere le mani avanti) il risultato tutto da verificare, anche se, ci si conceda la modestia, il pubblico almeno (si spera!) apprezzer il coraggioso tentativo di aver voluto trarre da una cos illustre opera, una nuova creatura.

In ogni caso, (chiamatelo pure u cunottu du babbu!) ci conforta il pensiero che, essendo questa unaltra storia, almeno non saremo accusati di avere dissacrato, sfregiato o profanato un conclamato capolavoro teatrale. Amen!

Domenico Platania

[email protected]

P.S.: La commedia pu essere rappresentata con i canti inseriti nel copione o senza. Certamente la prima ipotesi quella consigliata poich le musiche originali, composte dal Maestro Lorenzo Grasso, molto orecchiabili e di pregevole sonorit, rendono lo spettacolo pi ricco e gradevole. Se si decidesse in tal senso, il coro pu essere composto da tutti gli attori in scena.

Le musiche possono essere richieste allo stesso compositore al seguente indirizzo di posta elettronica: [email protected]

PERSONAGGI IN ORDINE DENTRATA

Lucia, madre di Turiddu

Sabedda

Neddu

Lola

Cola, padre di Santuzza

Santuzza

Jaffieddu

Sindaco

Lisi

Maruzza, moglie di Lisi

Turiddu

Solista

Lambiente una piazza. La bottega del vino di Lucia, posta sulla destra, al limite del proscenio. Allesterno della stessa appeso un tralcio di edera, allentrata, invece, si trova un tavolo e quattro sedie. A met palco, a destra ed a sinistra, corrono le vie duscita laterali, oltre le quali si fronteggiano i balconi pieni di fiori di Lola e Santuzza. Gli ingressi delle abitazioni delle due donne sintravedono al limite delle suddette vie. Al centro della parete di fondo, posto un piedistallo sul quale si erge una statua. Sulla parete di sinistra, prima della via laterale, si affaccia una finestra, sotto la quale si trova una panchina.

SANTUZZA LOLA

LUCIA

ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

Lucia seduta davanti a casa sua ed intenta a sbucciare legumi o altro.

SABEDDA (entra da destra e siede accanto a Lucia) Bongiornu, cummri Lucia. Bella jurnta, oggi! Arriva vostru figghiu Turiddu e finalmente putiti fistiggiari a Pasqua assemi!

LUCIA Duppia Pasqua! Senza Turiddu macri ju ha statu morta e ora comu sabbruriscssi assmi o Signuruzzu!

SABEDDA - E vi criru!

LUCIA Senza offsa ppi nuddu, comu a me figghiu ci nn picca e nenti, spicili!

SABEDDA (con ironia) Unni u tocchi sona!

LUCIA Ci sunu lustratri di mublia cchi bravi di iddu?

SABEDDA (c.s.) Unni, quannu! Ma cu cu nsignu u misteri?

LUCIA Bih! Picch, me figghiu aveva bisognu du mastru? Avaia, non dicemu fissari! Successi ca, siccomu u maestru di scola si lava misi supra u nasu...

SABEDDA (con malizia) O scola ni mangiava picca?

LUCIA Ca quali... ci laveva cu iddu e u fici assittri allultima fila. Turiddu, non sapennu cchi fari, si misi a pulizirisi u bancu. Pulizia oggi, pulizia dumani, finiu ca u fici addivintri comu a specchiu! N-jrnu u visti u Diritturi, mpitittu, e finu ca ci fici lucidari tutti i banchi da scola.

SABEDDA (c.s.) Ci desi lappaltu, vah!

LUCIA Ci fici divintari comu novi! U Diritturi, era accuss cuntentu ca a me figghiu u trattnni a scola facnnucci ripetiri tutti i classi.

SABEDDA Ah, ppi chissu carristu deci anni!

LUCIA A malapna sapi mettiri a firma, per dtici dallustrri na crirnza o nammurri e n-tempu nenti i fa divintari megghiu di chiddi nisciti da fabbrica! (con orgoglio) Quannu finu a scola alimentari ci dsunu macari a mirgghia!

SABEDDA Comu i pinsionati! Ci pari ca non mu ricordu? Chiancvunu tutti!

LUCIA Specialmente u Diritturi!

SABEDDA (c.s.) Chissi sunu suddisfazioni!

LUCIA A Turiddu cavissi piaciutu cuntinuari...

SABEDDA (incredula) A sturiri?

LUCIA Annnca! Ma, appi, quannu sappi ca i banchi di lutri scoli erunu di ferru, ci passu a vulunt e abbannunu i studi!

SABEDDA (c.s.) Quannu si dici u distinu! Na carrra abbrucita ppi culpa di quattru tinti banchi!

LUCIA Vu mmaginati, u lustru cavissi puttu vriri me figghiu su runu di lignu?

SABEDDA (c.s.) O lu gran lustru! Autru ca lilluminazioni di S.Ajtzza!

LUCIA Cummri Sabdda, ssu paragni mi pari a peri di vancu! (porta in casa una parte dei legumi sbucciati) Accunuti vi pari ca vi staiu babbinnu?

SABEDDA (la segue fino alla soglia della porta) Chi centra! Ju, vuleva significari ca ssu lustru ca dicuvu u puteva fari divintari...chi sacciu... macari Sinnucu!

LUCIA (rientra in scena, portando altri legumi e si rimette a sbucciare)Avaia, chi stati ncucchinnu, quali Sinnucu! Minimu minimu... Addiputatu!

SABEDDA Certu, minimu, comu no! Ora vi lassu ca mhaiu a jiri a cunfissari, troppi papalti ha dittu stamatna! (si dirige verso sinistra)

LUCIA Faciti beni! Bongiornu!

SCENA SECONDA

Da sinistra entra Neddu che scambia il saluto con Sabedda mentre questa sta uscendo.

NEDDU Bacimu li manu, gnura Lucia! Comu jimu?

LUCIA (intenta a sbucciare) Comu i vecchi! Crsciunu lanni, crsciunu i malnni.

NEDDU Ma chi diciti, siti cchi tisa di na testa dagghiu!

LUCIA Appi tu!

NEDDU C n-pasi chinu di carti ppi Turiddu, i fici appizzri u Snnucu: Alli citadni e popolino. Tutti noitri, genti popolazione, semo chiamati a dare il benvenuto a Turiddu, al nostro valurso compaesno, al nostro compatrito, al nostro conterrnio e anche connazionale ... . Compaesno, compatrito, ma cu sunu tutti chissi ca muntva u Sinnucu?

LUCIA Ca sempri Turiddu!

NEDDU Davru? E chi fu cunsigunza du suddtu ca si multiplicu ppi quattru?

LUCIA Neddu, tu ci isti a scola?

NEDDU Ca certu! Arrivai finu a secnna, poi me patri mi fici arritirri picch dissi ca chidda cava fattu massupicchiva, e cuntinuari era tempu persu!

LUCIA Ah, ora capisciu! (si alza)Ascta a mia, ascta! Su vo capiri megghiu na frasi, ha pigghiri i palri a unu a unu e lha rmpiri... ( Neddu la fissa confuso) lha sminuzzri... comu quannu ci duni a mangiari e ppiri... (c.s.) lha capuliri, vah... appi...

NEDDU (in fretta) Capuliri i palri? Comu a carni ppi fari i puppetti? E dopu comu si fanu, fritti o a broru? Chissa na sapeva! Per, na vutzza mi dissunu ca...

LUCIA Pipita masculina! E chi ci desunu a corda? Senti, tagghiamula cc! (rientra in casa portandosi dietro tutto ci che ingombra il tavolo. Neddu la segue fino avanti alla porta) Sulu na bestia comu a mia puteva pddiri tempu cu n-trunzu comu a tia! E comu su ci vulissi nsignri a scupri a na jaddna.

NEDDU Chissu s ca tempu persu! Non avnnu i manu, comu fa a jaddna a maniri a scupa?

LUCIA (rientra in scena, poi, con ironia) Ha vistu quantu sugnu bestia!

NEDDU Avia, picch sabbarrva? Ogni tantu, na fissara da vucca mi scappa macari a mia! Su ppi chissu, ju gi a cumpati!

LUCIA Senti, beddu, su non ti nni vai di cursa davanti a locchi mei, ti lassu crriri non sulu a scupa ma macari a jaddna!

NEDDU Ma chi dissi di mali? Ci prumttu ca non parru cchi! Per, su non mi spiega ssa storia du capulitu, di cc non mi nni vjiu!

LUCIA Fattilla spiegari du chianchiri, ca cchi prticu di mia!

NEDDU Cui, u zu Peppi? Ju palri non ci nhaiu vistu capuliri mai, sulu carni! Vossa, nveci ha sturitu e...

LUCIA Matrzza, pari na sampgna! (siede) Ppi favurddu, statti mutu! Assettiti! (Neddu obbedisce) Ta spigu, va beni, basta cappi ti nni vai! Antra, stava circnnu di fariti capiri ca su i palri i rumpi i capisci megghiu. (Neddu accenna a parlare) No, ascta! Per esempiu, su a palra compaesano a capuli (Neddu c.s.) ascta...a rumpi n-dui, chi nesci fora? Com e paesano, ca, a caccarra, voli significari comu paisanu, picch Turiddu di stu paisi! Com patriota, voli diri comu patriota, picch...

NEDDU Turiddu ha difinnto a Patria!

LUCIA Bravu! Hai vistu ca tu mparsti subitu!

NEDDU Bih, ch bellu! E conterrneo?

LUCIA Chista n-pocu cchi difficili, picch ... (ci pensa un attimo) sha capuliri in tri pezzi: con terra e neo! Ca voli diri ca Turiddu avi a terra, con terra...

NEDDU E neo?

LUCIA Neo? ... Ah, neo picch Turiddu navi unu nta spadda!

NEDDU Bih, ch facili! Mih! E connazionale, chi voli diri?

LUCIA Voli diri ca Turiddu ...

NEDDU Ossa si sta muta ca u vogghiu nzittri ju! Connazionale, voli diri ca Turiddu avi...

LUCIA Avi...

NEDDU - I conna! Connazio... (notando la stizza di Lucia si alza e, poi, quasi a scusarsi) Sempre parrnnu a caccarra!

LUCIA (si alza) Di ssi cosi non mi nintendu. Addumannaccllu o Snnucu ca a scrissi! Iddu, essnnu macari Diritturi da scola, u significatu u sapi sicuru!

NEDDU Forsi u sapi cchi megghiu so muggh...! (Lucia tenta di schiaffeggiarlo) A propositu di corn... Turiddu u sapi ca Lola si maritu cu don Jaffieddu, u carrittri di Mungiffi?

LUCIA Non chaiu manntu a diri nenti. Essnnu luntanu, inutili drici ssa clira.

NEDDU Certi cosi megghiu ca si diciunu di prisnza, si digirsciunu megghiu!

SCENA TERZA

LOLA (esce sul balconcino e, mentre annaffia i fiori nei vasi, canticchia) Turi, Turi, Turiddu lustraturi, lamri ca mi dasti ti lu tornu! Turi, Turi... (rientra in casa)

NEDDU Ahu, sempri a na banna lavi a testa!

LUCIA Povuru Turiddu, sta vota finisci a tragedia! (stacco musicale)

NEDDU Na Cavalleria Rusticana! Ma no cc! Chista cummedia ! (Lola esce di casa) Cc ! Sta niscnnu cu tutta a vara! Ora ci sprunu i bummi!

LUCIA Pari a pupa du tamburddu!

LOLA (entra in scena vistosamente ingioiellata, a testa alta e con passo altero) Avmu nutzii del nostro patrioto?

NEDDU (fra s)Bih, vadda, macari idda a sapi! (a Lola) Scusati, cummri Lola, ci lata fatto mai u capulitu a palora connazionale?

LOLA U capulito? E chai a fari puppetta?

NEDDU No, si pgghia la palra, si rumpi in dui, tre pezzi, a comu cappitsci u cori e...(vedendo lindifferenza di Lola e lirritazione di Lucia) No, nenti, era na semplice curiosit, cos alla caccarra! E u sapti picch a jaddna non sapi scupri?

LUCIA Cummri Lola, lasstulu pddiri a Neddu, u sbaddu ca u fa parrri!

LOLA Mi naccurgi ca stamatna avi (con un tono diverso) n-pocu di lisca!

NEDDU Bih, a propositu, quannu mi nni viu a ccattrici (con lo stesso tono di Lola) a lisca a me matri! Bongiornu! (esce da sinistra)

LUCIA (a Lola) Cummri, cavti fattu sapri cosa a Turiddu du vostru matrimoniu?

LOLA E ppi quali ragiuni?

LUCIA No, siccomu zitistuvu ppi bellu pezzu...

LOLA Bih, chi palra grossa, u chiama zitiri, cosi di carsi fonu! Nientutru! E poi, chi ci pari ca facvumu: iddu lucidava i mobili di me patri e ju u taliva di luntanu, mentri travagghiva.

LUCIA Sempri di luntanu? Non vavvicinstuvu mai?

LOLA Ma chi vi scappa da vucca! Ju, mavvicinava? Ma ppi cu mi pigghistuvu? Quannu mai ssi cosi! (breve pausa) Iddu, si ncugnva, ma no ju!

LUCIA Certu, (marcando la parola) ppabbrazzrisi, qualcuno sava avvicinari!

LOLA Iddu! Ju stava ferma, mpalta o me postu!

LUCIA Scummettu ca ci scappava macari qualchi vasunddu! Veru?

LOLA Iddu, sempri iddu mu dava!

LUCIA E vui, chi facvuru?

LOLA Ju? Ju... nenti, stava muta e ferma o me postu! Faceva tutti cosi iddu!

LUCIA Scummettu ca ci stuvu mscia mscia! Avru?

LOLA E chi puteva fari? Na pvira fimmindda debuli e indifsa sugnu!

LUCIA Per a cosa vi piaceva macri a vui, sen...

LOLA (con forte sensualit) Su mi piaceva... a mia? (con tono distaccato) Veramenti, su mi piaceva o no, nta stu mumentu non mu ricordu. Appena ci penzu bona bona, cu dicu! Va beni accuss?

LUCIA Lassti prdiri, no vgghiu sapri. A cosa cchi mpurtnti ca ora siti (marcando le parole) bedda maritta ppa vostra casa. E speriamo ca Turiddu trova na brava carsa e accuss, macari iddu, si forma na famigghia ccu tanti figghi beddi, ricchi e malantrini! Diu ni scanza e lbbira du focu ca cuva sutta a cnniri, basta n-pocu di vria e sbmbunu tutti cosi!

LOLA (con ironia) Non c peggiu! Ccu lacqua ca manca sempri e prima carrvunu i pumpri, po succdiri na catastrofi!

LUCIA (verso il pubblico) Nhaiu captu su chista scema o u fa apposta!

(a Lola) Limpurtanti ca ni capmu! Appena ncuntrti a Turiddu: bongiornu e vutmu bordu!

LOLA (c.s.) Ca certu! U rispettu e leducazioni sempri: fino a quannu c lustru bongiornu, su c scuru bonasra!

LUCIA O bonantti!

LOLA Sintendi!

LUCIA - (verso il pubblico) Ppi mia tutta scema!

LOLA - Anzi, siccomu haiu ntinzioni daiutallu, appena torna, ci vgghiu diri su e dispostu a lucidari i mobili da me casa. Ci tegnu ca mi lustra iddu! (con sensualit)Avi na manu accuss lesta!

LUCIA (verso il pubblico) Nenti, mi sbagghii, fa a scema! (a Lola) Oramai u sapi unni ha mttiri i manu... macri o scuru! Avru?

LOLA (c.s.) Certu, ci va cu locchi chiusi!

LUCIA (con risolutezza) E penzu ca sta cosa non si po fari! Prima di vui, c na lista di parruscini ca non finisci mai! E megghiu ca vi circati nautru lucidaturi!

LOLA No, ca quali! (idem) A iddu vogghiu, u spettu macari deci anni!

LUCIA Accuss assai? Vaddti ca a vicchjnia arriva ntuttna, senza ca una si naccorgi! Na bella matna, talinnusi o specchiu una saddna caddivintu tutta arrappta, i denti cumnciunu a cimiddiri, i capddi a divintari jnchi...

LOLA Ma chi centra stu discursu che mobili?

LUCIA Bih, veru! Chissa a prova ca staiu sdunnnu! Di mobili stvumu parrnnu! Chi centra donna Lola accuss bedda e baggina ca vicchjnia!

LOLA Chiddu ca dicu macari ju!

LUCIA Idda, tra deci e macari vintanni, sar ancora com ora, n-pilu cchi, n-pilu menu! Pussa via, vicchjnia! Turnnnu o discursu di prima, facti comu vuliti! I mobili i vostri sunu! Ora vi salutu ca ha jiri intra!

LOLA Bongiornu, gnura Lucia. (Lucia e Lola rientrano nelle rispettive abitazioni).

SCENA QUARTA

Il coro entra dalle aperture laterali ed esegue il brano.

SOLISTA Di chista storia non c eguli,

Non ci su morti e mancu firti,

Non curri sangu ma sulu vinu.

CORO Zumpallallru zumpro lall (due volte)

SOLISTA Succedi tuttu e u restu di tuttu

Picch na storia tutta nvintata,

Mai successa, mancu cuntta.

CORO Zumpallallru zumpro lall

CORO Ci sunu Lola, Turiddu e so matri

cumpari Jaffiu, Santuzza e so patri,

ma di cutddu non si nni parra.

CORO Zumpallallru zumpro lall (due volte)

SOLISTA Fra sintimenti e spruzzi damuri,

fra gilusi e duluri di cori,

Ci trasi puru n-duellu donuri.

CORO Zumpallallru zumpro lall (due volte)

SOLISTA Ma poi alla fini essnnu cummedia

Sarnu brnnisi in gran quantit,

Lassnnu a tutti filci e cuntenti.

CORO Zumpallallru zumpro lall.

(due volte) CORO Ci sunu Lola, Turiddu e so matri

cumpari Jaffiu, Santuzza e so patri,

Ca supra a scena ci piaci cantari.

Zumpallallru zumpro lall. (due volte)

Il coro esce dalle vie laterali.

SCENA QUINTA

Lucia esce dalla propria abitazione e bussa alla casa di Santuzza.

COLA (da fuori scena) Cu ?

LUCIA Don Cola, ju sugnu, gnura Lucia.

COLA (c.s.) Vegnu subitu. (entra in scena e savvicina a Lucia) C cosa?

LUCIA Don Cola, u sapiti ca vi cunsddiru comu n-frati cchi granni e quannu hiu prublmi vegnu a circri cunsgghiu ni vui!

COLA Sempri a disposizioni! Parrti.

LUCIA (si guarda attorno) Non sacciu comu cha diri a me figghiu ca Lola si maritu ccu nutru!

COLA Certu, appena u veni a sapiri non ci far piaciri! Non sapnnu nenti, ppi iddu, i cosi arristnu comu quannu partu. Ora carrva sta bumma!

LUCIA - U sacciu, u sacciu. Cc finisci a tragedia! (stacco musicale).

COLA No, chidda nautra storia!

LUCIA Bih, veru, ogni tantu mu scordu! Allura pozzu stari tranquilla ppi me figghiu?

COLA Tranquillissima, pirch, a fini, murtalit non ci navissi a essiri! Per, tragedia o non tragedia, a stu carsu a nutizia si ccha dari u stissu, no?

LUCIA - Certu! Ma comu?

COLA E su cu facssimu diri direttamenti di cumpri Jaffieddu?

LUCIA Comu no? Ci damu n-cutddu a lunu e comu finisci si cunta! Avia, don Cola, mancu vui mi parti! U sacciu ca non a Cavalleria, per accuss caddivnta!

COLA Allura, u sapiti chi facemu? Ci nni parru ju e ni luvamu u pinzeri!

LUCIA Grazi! Sugnu sicura ca o megghiu amicu da bonanima di so patri u scuta!

COLA Su appi non carrinsciu, voli diri ca cu facmu diri du Sinnucu e du Parrucu!

SCENA SESTA

SANTUZZA (affacciandosi dal balconcino) Pap! Aspetta ca tha diri na cosa. Oh, gnura Lucia, bongiornu!

LUCIA Bongiornu, Santuzza! (a Cola) Prima carriva Turiddu, ancora ha fari n-saccu di cosi!

COLA Avaia, quantu siti piliddsa! Chi fa, Turiddu, vi rimprovera su non trova tuttu a postu?

SANTUZZA (entra in scena) Che bellu ca oggi arriva Turiddu! Avi ca laspettu ...!

COLA (sospettoso) Ma picch avuvu nappuntamentu?

SANTUZZA (piuttosto confusa) No, e ca...

LUCIA - (venendole incontro) Dopo tantanni ca manca, tutti aspittmu a Turiddu! (a Cola) Non laspittti macari vui?

COLA Certu!

LUCIA - Quannerunu nichi, Santuzza e Turiddu, jucvunu sempri nzmula! Vu scuddstuvu?

COLA Quanti voti lassicuti picch non si nni vulva jiri da me casa!

LUCIA - Di quantavi ca manca, scummettu ca Turiddu, a Santuzza, na ricanusci cchi di quantu si fici longa e bedda!

SANTUZZA Ju si, ci lhaiu stampatu cc! (si mette la mano sul cuore, poi vedendo la faccia del padre, la porta sulla fronte) E non viru lura dabbrazzllu... (verso il padre) comu n-frati, sintendi!

COLA (sospettoso) E picch. Comu u vulevi abbrazzri?

LUCIA - Avia, don Cola, ca finitacclla cu sta gilusa. Ora ora fstuvu vui ca marricudstuvu ca chista non a Cavalleria Rusticana!

SANTUZZA Pap, ti vinni a circari u nutaru Assttitibnu!

COLA Bih, veru, numa vriri ppi lattu! Ora ci vju! Vi salutu, gnura Lucia! (a Santuzza) E tu, occhi vasci e ritta ritta a casa, marraccumnnu!

LUCIA (a Cola) E ci torna! Ca finitacclla!

COLA Mata scusari, ma ju nta stpira non ci staiu capnnu cchi nenti. Tanncchia cummedia, dopu addivnta tragedia, appi cngia daccpu. Qual a me parti giusta non ci lhaiu ancora chiaru e non sacciu comu mha cumpurtari! (esce da destra).

LUCIA (fra s)Mannaggia a vicchjnia! (alla giovane) Santuzza, arrispnni a mia sinceramenti. Si nnamurata di Turiddu?

SANTUZZA (guardandosi in giro e balbettando) Ju? No! Forsi! No sacciu!

LUCIA - Ccu mia ti poi cunfidari! U sai ca ti vogghiu beni comu na figghia!

SANTUZZA (sempre guardandosi attorno) Vossia non cabbadri e fissari ca mi scppunu da vucca! A Turiddu, non neju ca u vogghiu beni! Ma chissu non voli diri nenti, macari ... a... e... o me... cani vogghiu beni!

LUCIA - Certu, certu! Tu, o cani tu maritassi?

SANTUZZA Avia, chi va dicennu! Certu ca no!

LUCIA - E a Turiddu?

SANTUZZA (con entusiasmo) Certu ca s! (riprendendosi) Ehm, ...s, ... ma ppi scherzu, comu ni maritvumu quannu rumu nichi e jucvumu a mamma e pap!

LUCIA Ti piacissi cuntinuari a jucri a mamma e pap, ccu Turiddu?

SANTUZZA Certu ca mi piacissi, lhaiu sempri disidiratu... Ma non po essiri cchi, oramai semu granni e ... (abbracciando Lucia) Si veru! A vossa cu pozzu diri: a Turiddu u vogghiu beni!

LUCIA - E ti pari ca non lava caputu?

SANTUZZA Oh, finalmente mi luvi stu pisu di ncddu! Ma Turiddu non sapi nenti. E sulu na fantasia mia! Anzi, vossa nha diri nenti a nuddu!

LUCIA - Bih, ora mi mettu a mpicri i manifesti!

SANTUZZA Specialmenti a Turiddu!

LUCIA Sicuru, tutti muti! Vaiu a pripararimi, ca me figghiu fa cuntu carriva (rientra in casa)

SCENA SETTIMA

Da sinistra entra Jaffieddu.

JAFFIEDDU (si avvicina di soppiatto a Santuzza) Bau-settiti! Vi scantastuvu?

SANTUZZA Cumpri Jaffieddu, mi facstuvu satri u trppicu! Certu ca mi scanti!

JAFFIEDDU Factivi ballu ca scupa ca vi passa!

SANTUZZA (fra s) Sempri dilicatu! (a Jaffieddu) Allura, oggi arriva...

JAFFIEDDU (con durezza) S, arriva u mumentu da virit! O intra o fora!

SANTUZZA (fra s) Oh, Matrzza Santa, aitulu tu a Turiddu! (a Jaffieddu) Ma non c modu darraggiunri a cosa senza fari dannu?

JAFFIEDDU Cummri Santuzza, ju sugnu bonu e caru, ma basta nenti ppi farimi satari a musca cavaddna! Sta cosa sabbissri comu dicu ju, chiddu ca costa costa! Troppu chicchiri si stanu facennu!

SANTUZZA U capisciu, ma...

JAFFIEDDU Vi prunu nenti i corna ca sha sumpurtri unu comu a mia?

SANTUZZA (timidamente) Ppi giusta rgula, i corna ne sumpurtti vui ma qualcunutru!

JAFFIEDDU Capsciu ca mi vuliti cunsulari, ma accussi peggiu!

SANTUZZA Scusati su nsistu! Facmu finta ca fra iddi e dui successi chiddu ca successi, ma u fciunu mentri erunu ziti e prima du vostru matrimoniu ccu Lola!

JAFFIEDDU E propriu chissu u sgarru ca non sumprtu: lvunu a fari dopo u me matrimoniu!

SANTUZZA (con meraviglia) Ma Lola di sta storia chi dici?

JAFFIEDDU E daccordu ccu mia!

SANTUZZA (c.s.) Cumpari, siti sicuru di chiddu ca stati dicennu?

JAFFIEDDU Ca certu! Lavssi chiamatu a tutti e dui e cavssi dittu: Ora ca mi maritai putti fari nzccu vuliti!.

SANTUZZA (incredula) Dopu ca vi maritastuvu?

JAFFIEDDU S!

SANTUZZA - (verso il pubblico) Chistu su non lavi beddi stampati cc (toccandosi la fronte) non cuntentu!

JAFFIEDDU Idda prima di frisi zita aveva u duvri daddumannrimi u pimmssu!

SANTUZZA Appi, vui! Mancu su ruvu so patri!

JAFFIEDDU Per sugnu u frati cchi granni!

SANTUZZA - U frati di cui?

JAFFIEDDU Di Gelsumina! Comu soru cchi nica aveva lobbligu di farisi zita dopu u me matrimoniu e non prima! Dopo, u cunznzu, non ci lavissi luvtu nuddu!

SANTUZZA (fra s) E a mia mi parva... Grazii Madunnuzza! (rincuorata, a Jaffieddu)Avia, cumpari Jaffieddu, mancu vui mi parti! Faciti u cunntu pacinzisu vuleva diri faciti pacnzia! Ma chi vuluvu diri antra, ccu ddu intra o fora?

JAFFIEDDU Ca su intra oggi non maddumnnunu pirdnu, ca fazzu viriri ju! (rientrano nelle rispettive abitazioni)

SCENA OTTAVA

(da destra, entrano Lisi e Neddu).

LISI Turiddu ha statu sempri n-bravu carsu e staccoglienza sa merita!

NEDDU (come se lo correggesse) Turiddu, sa merita!

LISI Picch ju chi dissi, non dissi Turiddu?

NEDDU Veramenti facstuvu n-pocu di cunfusioni. Prima muntuvstuvu a Turiddu, poi, cammiscstuvu na certa Enza!

LISI Ju muntuvi a Enza?

NEDDU E cu fui ju, piracsu, ca dissi a palora accoglienza o fstuvu vui?

LISI Jncu u sali! Ma picch, Comu ava a diri?

NEDDU Vistu ca parruvu di Turiddu uvu a diri accogli-turi e non mai accogli-enza!

LISI Accogli-turi?

NEDDU Ca certu! Arriva Turi o Enza?

LISI Turi!

NEDDU E allura, cu sta sbagghinnu? Mpri, vui chi scoli facstuvu?

LISI - Sulu a prima!

NEDDU Ah, allura ppi chissu! Cca sula prima, alla recla sgrammaticle del capuliamnto non ci putvuru arrivari mai e poi mai!

LISI Del capuliamnto? E a prima vota ca sentu diri!

NEDDU (con aria professorale) Ora vi lallstru in due palre! Ata a sapri, caro mpri, ca ppi capiri u significatu di na palra, lata rmpiri... (Lisi lo fissa confuso) lata capuliri, vah... tipu macintu ppi fari baddzzi... fassumuru... U sapiti, almenu, chi u fassumuru?

LISI Ppi sintitu diri! Anzi no, ora ca ci penzu, na vota ni visti unu na cucina di lavvucatu Allggiuccusli mentri ci puttva lova. Ma di luntanu! Appi, fu me matri ca mi spiegau ca ddu cosu si chiamava fassumuru!

NEDDU Perfettu! (si guarda attorno) Sentu vuciliziu! Cuntinuamu cchi tardu!

SCENA NONA

Accompagnati da un brano musicale adatto, dalle vie laterali e dalle abitazioni arrivano uomini e donne, Santuzza e Lola si affacciano dal balcone e poi raggiungono gli altri. Dopo aver deposto la statua per terra, adornano il basamento con fiori ed altro. Appena il Sindaco sale sullimprovvisato palco, si smorza il volume della musica.

SINDACO Popolo di questo risulnti ma rusticano paese, siamo riuniti in questo lieto giorno per dare il giusto saluto al nostro grande eroe Turiddu!

TUTTI Turiddu (battono le mani a ritmo), Turiddu (idem).

SINDACO Il vostro benvenuto...

NEDDU (alza la mano) Snnucu, il capulito della palra benvenuto u cansciu!

SINDACO Bravu Neddu, mi fa piacere! Il vostro benvenuto, il segno tangibile ...

SABEDDA (alza la mano) Comu?

SINDACO Ehm... palpabile...

MARUZZA (alza la mano) Chi voli diri?

SINDACO Ahu, carsi, ora basta. E chi schifu ! E mai possibili ca non pozzu finri mai n-discursu?

LISI (alza la mano)Ma no dissi voscnza ca quannu non si capisci na cosa sha dumannri a spiegazioni?

SINDACO A scola, ma no cc! Ehm... Unni era arrivatu, pessi macri u filu...

MARUZZA - Chi pessi u Sinnucu?

LISI - U filu!

COLA -E unni u pessi?

LISI - Carusi, tutti a circari u filu du Sinnucu (tutti in giro a cercare)

NEDDU (alzando la mano, con malizia) Sinnucu, qual u capliato della palra connazionale?

SINDACO Auuuh! Tutti cc e guai cu minterrompi! Vi stava dicennu che la nostra gioia voli significari ca Turiddu rimasto avviluppato... (una parte dei presenti alza la mano) avvinghiato... (altri alzano la mano) allippto ... (piano piano abbassano le mani) ntaccito... nei nostri cuori, anche se stato lontano per difendere i confini della Madre Patria. (applausi).

Al suono di una musica da banda, dalla sala entra Turiddu, sulla spalla porta un bastone da dove pende un involto di stracci. Appena arriva sul palco, le donne gli fanno corona agitando il lembo dei vestiti mentre gli uomini battono le mani a ritmo. Infine, Turiddu, sale sul palco e si smorza il brano.

VFC (appena smette la musica) E arrivatu cumpari Turiddu!

TUTTI (battono le mani a ritmo e cantano) Al, al Turiddu, Turiddu granni eroi, tu si ne nostri cori, a tia noi brinderem! Turiddu, Turiddu!

TURIDDU Mannaggia allacqua raggia! Mi nun sapva di questa spendida accoglienza! Ostreghta! Vaggia vulutu sempri bbeni. Dove l la me mama?

TUTTI Ma comu parra?

LISI U nfittu laria du cuntinenti!

COLA (A Turiddu) Parra a caccarra ca non ti capmu!

TURIDDU Unn me matri?

TUTTI Cc , cc !

TURIDDU E Lola?

TUTTI- (cantano e si dimenano) Lola, cosa impari a scuola, balli il charleston...

TURIDDU Uffa alla muffa! Ma mai possibili ca n-Sicilia non esistunu treni?

Staiu vinennu a piricddu di Missina!

TUTTI Ancora cha vistu!

TURIDDU - Haiu i peri come du mulincini e mi vulissi ripusari! Cchi taddu ni virmu!

SINDACO Popolo, accogliamo la richiesta di Turiddu, e poniamo termine alla cerimonia. (Turiddu, sceso dal basamento, viene circondato dai compaesani, mentre Lucia, dopo avere abbracciato il figlio, si sposta con Cola davanti alla sua casa).

LUCIA Appena si nni vanu tutti ci cuminciti a farici ddu discursu! Principiti partnnu di luntanu e ci ni parrti alleggiu alleggiu, senza scannalillu, e poi, manu manu ca vavvicinti o fattu, cuminciti a essiri cchi chiaru. Su ancora non capsci, virmu chi putmu fari. (mentre Turiddu e Santuzza si avvicinano al proscenio, Neddu e Lisi ripongono la statua sul basamento, poi, assieme al Sindaco ed alle donne escono).

COLA (a Lucia) Di luntanu e alleggiu alleggiu?

LUCIA Ca certu, vi vuliti sduvacri tuttu nta na vota? (Cola sallontana da lei dirigendosi verso la statua) Ma comu, vi nni pintstuvu?

COLA Ju? Avaia, comu su non mi canuscssuvu! (torna indietro lentamente e si rivolge a Turiddu con un filo di voce) Turiddu, Lola, (Lucia, non capendo, invita Cola ad avvicinarsi, mentre Santuzza e Turiddu lo guardano con curiosit) si maritu ccu Jaffieddu!

TURIDDU Don Cola, nhaiu captu u restu di nenti, parrti cchi forti!

LUCIA Ma picch parrati daccuss luntanu? Ammri cc vinti!

COLA (fra s) Ma su mu dissi idda di prtiri di luntanu e parrri alleggiu! (man mano che savvicina, parla con un tono normale) Mi sintiti, ora? Allura, virmu virmu comu pozzu accuminciri ppi frimi capri mgghiu! Ah, si! Pattmu dapprincpiu! (chiede conferma a Lucia) Avru?

LUCIA Certu, cummni!

COLA Dapprincipiu dapprincipiu? Cuntenta vui! Cera na vota na regina (indica vagamente Lucia) caveva n-figghiu (idem verso Turiddu) ca si fici zitu ccu na carsa (idem la casa di Lola). Successi, per, ca ...

LUCIA (a Cola) Don Cola, Turiddu stancu e non putmu stari tutta a nuttata a scutri a vostra fvula. Nzmma, cantatacclla chiaramnti e cca finmu!!

COLA Cantri? (acconsentendo a malincuore, canta) Si maritu (sottolineando il nome) Lola...

TUTTI - (cantano) Saridda e Pippindda e ju ca sugnu bedda mi vogghiu marit!

COLA Turiddu, ora, u capisti? (a Lucia) Capiu, capiu!

TURIDDU Ahu, don Cola, siti veru strursu!

LUCIA (compatendolo) S, troppu... strursu!

COLA Cchi di chissu narrinsciu a fari!

TURIDDU E u facti bonu!

LUCIA (con ironia)N-capolavoru! (a parte, a Cola) Non cosa vostra, ora ci nni parru o Sinnucu e o Parrucu!

COLA (a Lucia) U me duvri u fici! (ai presenti) Vi saltu, mi vju a ripusri tannicchdda! (entra a casa)

LUCIA Macri ju! Turiddu, tu non tarricogghi a casa? (entra a casa)

TURIDDU Stiu vinnnu! (a Santuzza) Ma u sai ca ti facsti bedda davru? Ostreghta!

SANTUZZA Ca quali bedda, dicmu accuss accuss! (con falsa modestia) Modestamenti, ma spciu che megghiu!

TURIDDU Ci lhai u zitu?

SANTUZZA No! Aspettu ca si dichiara! E tu?

TURIDDU U sai ca chaiu ddattaccgghia cu Lola!

SANTUZZA A propositu, tavssi a parrri di na cosa molto seria assai!

TURIDDU Parra! Sugnu tuttu arcchi!

SANTUZZA (con tono drammatico) Mentre ti trovavi strabbodto dove il freddo parggio e gli uccelli pssono vasci, successo il succidbili. A forza di tuculiri oggi e annaculiri dumani, i pira (indica la casa di Lola) cascnu e qualcunu si ricugghu (con il braccio indica il segno della raccolta) o to postu, in un vdiri e svdiri!

TURIDDU (con indifferenza) E allra?

SANTUZZA (molto confusa, non sapendo cosa dire) Cu isa lanca peddi a banca!

TURIDDU Oh, Santuzza! (con tono tragico) Ti prego, in nome della nostra vecchia amicizia, di quannu furrivi casa casa ccu girllu e ju puttva i capddi con la scrima 'nto menzu, palla meno oscru!

SANTUZZA O scuru? (guarda in alto, poi lo trascina pi avanti) Cc c cchi luci! Ha sapri, (indicando la casa di Lola) ca qualcunu ti ha fottto a muta a muta e da megghiu manra a... (unisce pi volte gli indici).

TURIDDU (con uno sguardo da ebete) E picch?

SANTUZZA - Turiddu, asctimi e cerca di capire al volo. (fa segno verso la casa di Lola) Tantu mancasti e lamuri pirdisti! (notando che ancora non capisce) Fimmina e burrtta tnila stritta! (quasi con disperazione) Ma comu ci lha fari capri, no scciu! (squilla un cellulare, Turiddu lo estrae dalla tasca o gli scende dallalto e risponde).

TURIDDU Pronto! Folppo, comu stai? Arrivsti macari tu a casa? (a Santuzza) E n-cumpagnu di suldatu! (parlando al cellulare) Tuttu a postu! Me matri, a zita, lamici! Comu quali zita? Ca Lola, no sai? ... Comu? ... A ccu lassu? Arripti, ca non pigghia bonu! (con sorpresa) Cumpari Jaffieddu mi misi a sputzza nto nasu? (si tocca la fronte) Pronto, pronto ... cascu a lnia! (dopo avere riposto il cellulare, a Santuzza) Ma u capsti cchi mi dissi stamicu? Ca Lola si maritu cu nautru!

VFC Hanno nformtu a cumpari Turiddu!

SANTUZZA Ahu, no sapeva ca ora si chimunu (con le dita, fa il segno delle corna) sputzza nto nasu! O saptulu!

TURIDDU Chisti sunu nutizii ca mi fanu vugghri u sangu! Tutti, n-pasi sanu e macari le forze armate italiane al completo, tutti cansciunu a storia e lunicu a non sapiri nenti sugnu propriu ju, linteressatu! Chissa stidda ca mi curri! (declamando) Oh, destino crutle, perch mi metti ancora alla prova? Mi hai fatto agghittiri di tuttu, ma chista sugnu sicuru ca non laddigerisco!

SANTUZZA Cha pruvtu ccu bicarbunatu?

TURIDDU S, mi resta nghiummata nto stomucu!

SANTUZZA Ma non ta squarsti mai ca Lola non taveva mancu ppi pagghizzu?

TURIDDU S, na vota, quannu ci manni a diri: Fammi avri na fotocrafa ca mappnnu ppi cindulu!. E idda, u sai chi marrispunnu? Appena mi maritu ti nni mannu dui!. Pinsava ccu mia, no ccu Jaffieddu! Oh, destino ... no, chistu gi u dissi ... (verso la casa di Lola)Oh, donna crutele, mi hai minchiunitu davanti a tutto lemisfero orientale e...

SANTUZZA E sopraccidentale!

TURIDDU Ora, minimo minimo, sugnu costrttu a fiddulilla e poi, su narrsta qualchi pizzddu, a sminnittilla.

SANTUZZA Avia, quantu si scucchiriatu! Na vota si facevnu ssi cosi!

TURIDDU Ma picch, nelle mie (si tocca la fronte) condizioni, secnnu tia, cavissi a fari?

SANTUZZA Vadda, su fussi di tia, ppi non darici sziu, mi ciccssi di cussa nautra zita e dumani matna ca fricssi mussu mussu!

TURIDDU (con ironia) Hai ragiuni! E accuss semplici a cosa! Mi nni vaiu nto tripogrufu e mi nni fazzu stampari una frisca frisca! Anzi, ci nni ordinu dui! Non si sapi mai!

SANTUZZA Ma quantu si spiritusu! (timidamente) E nveci ju ti dicu ca gi stampata e avi na vita ca taspetta!

TURIDDU Ah, ah, ah! E comu , a culuri o in bianco e nero? Ah, ah, ah! Picch non tu fai stampari macari tu, zitu! A propositu, ma tu ci lhai u zitu?

SANTUZZA No! Ti dissi ca staiu aspittannu ca si dichiara!

TURIDDU E quannu arriva chissu?

SANTUZZA Arrivau antra, accumpagnatu dda banna!

TURIDDU Vinni assemi a mia e mancu u visti?

SANTUZZA No putevi vriri, siti accuss i stissi ca non vi distinguiti. Per su ti tali o specchiu u viri! (a parte) Ahu, ma propriu passulni!

TURIDDU Avia, Santuzza, chi mi sta dannu i nmmira? Semu precisi... su mi taliu... o specchiu... (capendo) Ma chi sugnu... ju?

SANTUZZA S! (a parte) Ahu, i cosi giusti, capisci a volu!

TURIDDU E to patri u sapi?

SANTUZZA Chi caddu centra iddu?

TURIDDU Ma comu, non tu ricordi quannu caddumanni a to manu...

SANTUZZA Ah, s! Prima di lustrrici i mobili a Lola!

TURIDDU Tannu, mi fici fari i cursi! E troppu gilsu di tia, troppu! Mallanzu macari i cani... ruzzulii n-terra e...

SANTUZZA Ahu! E na vita ca cercu di farici capiri a stallattumtu ca u vogghiu beni e iddu cchi fa? Mi mpapcchia ca me patri cassajiu i cani e ruzzuliu! Signuri mei, u canuscti unu cchi longammtula di chistu? E nautra cchi fissa di mia ca lha spitttu comu narmzza du priatriu, camuliannsi u cirivddu ppi pinzri sulu a iddu, rifiutnnu a chistu e a chiddu? (piange. Si sente un vocio.)

TURIDDU Avaia, Santuzza, non chianciri, ca ti vogghiu beni!

SANTUZZA E megghiu ca narritiramu, veni genti.

TURIDDU Si, ma ju a vogghiu chiariri subitu sta cosa ccu tia. Ni viremu dopu!

SANTUZZA Va beni! (rientrano nelle rispettive case)

SCENA DECIMA

Da destra entra, leggendo un giornale, il Sindaco, subito dopo Maruzza e Lisi.

LISI (chiamandolo) Sinnucu, Sinnucu! (il Sindaco si ferma) Sinnucu, chi sta carta ca marrivau ajri? (gli mostra un foglio)

SINDACO (dopo averla letta) E na mora!

MARUZZA Ju lava dittu ca cera qualchi cosa ca non mi convinceva! (d uno schiaffo a Lisi, il quale cerca rifugio dietro il Sindaco) Ma, vossa, sicuru?

SINDACO E accuss chiaru! Ora volunu macari linteressi!

MARUZZA Spatti! (verso Lisi) Cu ssa mora ca voli linteressi di tia, svergognatu, parra o taddifettu! Chi ci cumminasti? (altro schiaffo)

SINDACO Maruzza, statti calma, a mora di lacqua!

LISI Basta ca idda chianta tumbulti! Senza sapiri, poi!

MARUZZA - E chaiu a sapiri di cchi? E mora e spatti fa a tubista acquaiola! Chi beddu maritu carrisuttsti! Ppuh! Tintu fimminaru!

SINDACO Ma chi caddu capu, chista! A mora arriva a casa quannu unu non pava, gnuranti!

MARUZZA Perci, mhaiu aspittari ca di mumentu a nautru marriva a casa ssa fimminazza. Facitila veniri, ca ci scugnu i jangulri!

SINDACO Lisi, spiegaccillu tu, a muggheri non a mia! (esce da sinistra)

LISI E na palora!

MARUZZA Matri, chi curu! (esce con Lisi da sinistra, continuando a litigare).

SCENA UNDICESIMA

Turiddu esce da casa sua e si ferma sotto il balcone di Santuzza.

TURIDDU (chiama a bassa voce) Santuzza, Santuzza!

SANTUZZA Mutu, ca scinnu!

TURIDDU (appena appare Santuzza) Oh, Santuzza, chi essiri inutili ca sugnu!

SANTUZZA Oh, finalmenti! Chista a prima cosa sinzta ca ha dittu oggi!

TURIDDU S, sugnu inutili, senza occhi, senza cirivddu, senza arcchi, senza...

SANTUZZA N-mumentu e firmmu u jcu! Ma si sicuru ca non hai tutti ssi cosi? Ti luvnu a suddtu? Ascta a mia, beddu, non taffnniri, mi fai lelencu di chiddu ca ti manca e non ti funziona e poi, cca calma, ni parrmu! Chi dici?

TURIDDU Ma chi capisti? A mia mi funzinunu tutti cosi!

SANTUZZA (squadrandolo dalla testa ai piedi) Tuttu tuttu? Si sicuru?

TURIDDU (con crescente passione) Vuleva diri ca haiu statu senza occhi ca non maccurgitu ca suffrivi ppi mia, senza cirivddu picch u purtai allammssu ppi na fimmina ngrata, senza arcchi picch ha statu suddu e to suspri damuri, senza...

SANTUZZA (piagnucolando) Sugnu sicura ca i stissi cosi ci dicevi a idda! (fa segno verso la casa di Lola) Basta, non vogghiu sentiri cchi nenti!

TURIDDU Cu Lola non parrumu mai!

SANTUZZA E chi facuru?

TURIDDU Chi facvumu? ... Facvumu Ci lustrava i mobili!

SANTUZZA Ah! Sulu i mobili? E a idda na passta non ca dasti?

TURIDDU A Lola? Bih, ti pari ca mu ricordu su carrivi a dari? ... Ahu, a mia u militari mi strafuttu... a mimria mi cuntinua a fassiri e certi cosi non ... Mi cummni fari a dumnna ppa pinzini dinvalidit! Ci lhanu tutti!

SANTUZZA Vattnni, non ti vogghiu vriri cchi!

TURIDDU Ahu! E basta ora! Sbagghii, lammettu, ma (con tono solenne) non mi poi cunnannri a vita ccu na sintenza senza appellu!

SANTUZZA (smette di piangere improvvisamente) Mizzicardda! Ti mparsti a parrri mpurtanti! (con il tono di Turiddu) Sintenza senza appellu! U sai ca mi piacu!

TURIDDU E chissa nenti, ancora ccha vistu? Cchi taddu thai a diri nautra battuta cchi bella ancora. Ma tu u sai ca dopo ca to patri marrifiutu a to manu, mi vuleva fari monucu?

SANTUZZA S, Munsignuri!

TURIDDU Non ci criri? Addumannaccllu o Parrucu! Appi, a lucidata de mobili di Lola mi fici cangiari idea e...

SANTUZZA E ti facisti saristanu!

TURIDDU No voi ammttiri, ma u sai ca thaiu vulutu sempri beni! Non tu ricordi quannu allasilu ci desi ddu mustaccini a Puddu Scuptta ca si vulva mangiari a to maflda ca muttatlla?

SANTUZZA Veru ! Per, ti nni pigghiasti mit!

TURIDDU Ma u fici sulu picch ti vuleva beni!

SANTUZZA Ah, ppi chissu u facisti?

TURIDDU E i giri ccu me carrilu a pallini, ti scuddsti?

SANTUZZA Veru ! Mi facevi fari sulu a mia!

TURIDDU E quannu ccu n-cuticchinu ci rumpsti a lastra allavvucatu Alleggiuccusli, o postu to cu si pigghiu i vastnati?

SANTUZZA Tu!

TURIDDU E chissu voli significari ca thaiu vulutu sempri beni!

SANTUZZA Ah, chissu ha vulutu diri? Bih, ju nveci mava cunvinciuta ca eri scemu!

TURIDDU Veru ! Turiddu ha statu sempri scemu ppi tia! Fici n-sulu sbgghiu e no voi pirdunari! Non ti naccorgi comu staiu suffrennu? Ma chi cori hai?

SANTUZZA E va beni, ti criru! Per, stai attentu, nautru sbagghiu e mi perdi ppi sempri!

TURIDDU No, chiddu ca staiu patnnu mabbasta! (sabbracciano)

VFC Si fici zitu cumpari Turiddu! (Turiddu, piega le braccia e le porta avanti e indietro in segno di vittoria).

SANTUZZA Ora fammnni turnari a casa ca si fici tardu!

TURIDDU Dumani parru cu to patri e speriamo... Per, prima mi vogghiu lavari a vucca ccu dda speci di galantomu di Jaffieddu!

SANTUZZA Turiddu, chi voi fari, lssulu pddiri, oramai hai a mia.

TURIDDU Non ti scantari, sulu du parulddi, non mi cumprumttu!

SANTUZZA Tarraccumnnu a Marunnuzza!

TURIDDU Bonanotti! (rientra).

SANTUZZA - Bonannotti, Turiddu! (rientra).

SCENA DODICESIMA

In scena restano illuminati soltanto i balconi di Lola e di Santuzza e il centro palco dove si posizioner Turiddu.

TURIDDU (esce cautamente da casa e si pone al centro delle abitazioni delle due donne; poi, rivolto verso il balcone di Lola) Oh, Lola, si spirgira e malamnti, ca u cori mi strazzsti comu nenti, tu mingannsti cu parli duci, carrisultnu essiri a me cruci! Ora ca finalmente sugnu sbgghiu, mi veni di driti n-cunsigghiu, allschiti ppi sempri di ni mia, picch, tu dicu, si na... si na...

SANTUZZA (affacciandosi e suggerendo dal balcone) Fitinza!

TURIDDU Grazie! ...Si na fitinzia! (dal balcone di Lola gli arriva una secchiata dacqua. Poi, rivolto verso il balcone di Santuzza) Oh, Santa, ca di latti la cammsa, si bianca e russa comu na cirsa, quannu taffcci fai la vucca a risu, bitu cu ti duna u primu vasu! E siddu moru e vaiu n-paradisu, si nun ci trovu a tia mancu ci trasu!

LOLA (affacciandosi dal balcone) Chissa, na vota, ma ripitisti macari a mia!

SANTUZZA Ah, si? (dal balcone lancia una secchiata dacqua verso Turiddu) I cosi di secnna manu ci dici a nautra!

TURIDDU Vi mittstuvu daccordu?

LOLA SANTUZZA (affacciandosi, le due donne, assieme, lo gavettano)) S!

VFC Hanno assappantu a cumpari Turiddu!

SCENA TREDICESIMA

Mentre Turiddu intento ad asciugarsi, da sinistra entra Jaffieddu.

JAFFIEDDU - Cumpari Turiddu, chi fa, chivi? Dumani matna vi vulssi parrri!

TURIDDU Sempri a vostra disposizioni, cumpari Jaffieddu!

JAFFIEDDU Servu vostru! Bonanotti! (rientra a casa)

SCENA QUATTORDICESIMA

Dal balcone di Santuzza saffaccia Cola.

COLA - Turiddu, dumani matina ti vulissi parrari!

TURIDDU (fra s) E sunu dui! (verso Cola)Sempri a vostra disposizioni, don Cola! (fra s) Supra vddira cravnchiu! Chi bella jurnta maspetta dumani!

JAFFIEDDU (fuori scena) Su taffcci di stu balcuni, tacczzu i jmmi!

COLA - (fuori scena )Su taffcci di stu balcuni, tacczzu i peri!

TURIDDU Abbissti semu! E a mia chi macczzunu? (rientra a casa).

SIPARIO

ATTO SECONDO

SCENA PRIMA

NEDDU (entra da destra, assieme a Lisi) Allra, dopu ca rumpti a palra...

LISI - Factimi capiri megghiu! Ma su i discssi, comu diciti vui, sunu comu u capulitu, comu mai ju, ca avi na vita ca usu i palri non haiu vistu mai n pupptti e tantu menu fassumuru?

NEDDU E inutili, sulu tempu persu! A quali salvagenti, a vutri analfabeti, subitu annijti!

LISI- Ma picch?

NEDDU (richiamato dal vociare di qualcuno) Lassmu prdiri, ci taliti nautra vota! C vostra mugghri! Appi, vi cuntu macari chidda da jaddna ca vulva scupri a casa!

LISI Na jaddna? Non c cchi munnu! E cu sapi quantu nama a vriri apprssu!

NEDDU Antichi avvunu ragiuni: cu sceccu si curca, sceccu si susi!

SCENA SECONDA

Da sinistra entrano Sabedda e Maruzza.

LISI (alle donne) Oh, arrivau a famigghia!

SABEDDA Ma chi caviti tuttu dui ca vallitigti?

LISI Ca quali allitigri, cu me cumpari Neddu, stvumu discutnnu qual u sistema cchi semplici ppi fari ...n-fassumuru!

NEDDU S, erumu fermi o fassumuru! (seggono).

SABEDDA Bih, e chi ci voli! Si pigghia na bedda fedda di carni di vitedda, du ova duri, quantu du quattrni di capulitu,...

MARUZZA A propositu di capulitu, vu fuurti chiddu ca succri quannu Turiddu veni a scuprri u mbrcchiu ca cumminu Lola!

SABEDDA - Ca quali! Turiddu si lava mmaginari cava a finiri accuss! Na carsa non po aspittari cu non veni mai! Allura, stava dicennu, si pigghia u capulitu friscu di secunnu tagghiu...

MARUZZA A propositu, a tagghia tagghia finisci tra Turiddu e Jaffieddu appena si ncontrunui!

NEDDU ( a Maruzza) Ppi chista ha finiri ppi forza a tragedia! (stacco musicale).

LISI Secunnu mia, nta ssa storia a culpa ci lavi Jaffieddu, si cumpurtu comu n-sdibbuscitu! Chi caddu ci trasva a pigghirisi a Lola ca era mpignta! Ci nnrunu tanti fimmini peri peri! (guardando le donne presenti) Forsi macari troppu!

SABEDDA Chi vulssuvu diri, ca ci semu fimmini cassupicchimu?

LISI Supcchiu supcchiu no! Dicmu ca su qualchidna non ci fussi, sconzu non ni puttssi, anzi! Chiddu ca non mi spiegu comu mai ci sunu cassuntti ppi tutti i mutupri, vitru, carta, pagghizzi, ma unu ppabbirici i fimmini cavnzunu non esisti! Specialmenti (guarda Sabedda) certa parentmi!

SABEDDA Tu na sggira comu a mia mancu su ta nzunnvi ti puteva capitari! Ringrazia u Signuri e vasa unni cchi loddu!

MARUZZA Avia, om, u sapiti ca Lisi juculnu, scherza sempri!

SABEDDA U sacciu comu scherza, u maccarruni senza sali!

NEDDU Lisi avi ragiuni...

SABEDDA Cumpari Neddu, a beddu marrisuttstuvu. Macari vui siti cunvintu ca sugnu cosa di cassunettu?

NEDDU Ma chi capistuvu? Ci dava ragiuni a Lisi ppi chiddu ca ha dittu ppi Jaffieddu! Autru ca sdibbuscitu, chissu malacrni e prontu a attaccri turlla!

MARUZZA E macari spatailu!

SABEDDA Munzignru trapulri...

LISI Minncu, prcchiu e santu ca non suda... pirucchisu, vah!

MARUZZA Nsumma, non lignu ppi fari crucifissi!

SCENA TERZA

Jaffieddu esce da casa sua.

JAFFIEDDU Chi c riunioni stamatina? A cu stvuru tagghiulinnu?

LISI Bih! Mancu su vavssimu chiamatu! Don Jaffieddu, chi vi friscnu arcchi?

SABEDDA - Parrumu propriu di vui!

MARUZZA Ma di cumpari Jaffieddu chi ssi po diri?

TUTTI Sulu beni!

SABEDDA Ca certu! Ju, per esempiu, stava dicennu ca sinceru e liali comu a vui, supra a facci da terra, non ci nn!

LISI E ju? Ca siti troppu ginirsu e a genti nappruftta!

MARUZZA Ca vuliti a paci...

SABEDDA Non vallitigti mai ccu nuddu...

NEDDU Ca siti na pirsundda netta e pulita, vah!

MARUZZA A propositu, a sintstuvu la gran puzza ca fa Turiddu!

SABEDDA A mia mi passi caru!

LISI Macari a mia!

MARUZZA Ca quannu mai, su chissu non fetu di lurda, non mi chiamu cchi Maruzza! Sa quantavi ca non si lava!

JAFFIEDDU Aviti ragiuni, mancanza di sgaddamntu! Ppi ssu mutvu, stamatina ci ni vuleva parrri seriamenti: o si lava ccu bonu annnca u bbiju intra a bbiviratra!

SABEDDA Propriu vui ssi cosi ci lata a diri? Non megghiu ca ncaricati u Sinnucu o annunca u Parrucu?

SCENA QUARTA

Dalluscita laterale sinistra appare Turiddu, dopo alcuni passi si ferma e fissa insistentemente Jaffieddu. Questi, fa gli stessi movimenti del primo, esprimendo chiaramente una smorfia di disgusto. Gli altri, nel frattempo, alzatisi in piedi, si spostano verso il fondo della scena, appaiono terrorizzati da quanto potrebbe accadere fra i due. Turiddu e Jaffieddu, guardandosi in cagnesco, si avvicinano lentamente fino a fronteggiarsi al centro del proscenio; luno gira attorno allaltro, quasi a fiutarsi, poi, improvvisamente, Turiddu alza la mano come se chiedesse la parola. Jaffieddu, non comprendendo il gesto e dopo avere emesso un grido di paura, si allontana precipitosamente nascondendosi sotto il tavolo posto davanti alla locanda di Lucia, mentre Turiddu fugge, anchesso urlando, verso luscita di sinistra. Gli astanti, strillando e presi dal panico, corrono via dalluscita laterale destra. Piano piano, dapprima timorosi, poi con pi sicurezza, Turiddu e Jaffieddu, escono dai loro improvvisati rifugi e lentamente sincontrano al centro del proscenio.

JAFFIEDDU (con tono di sfida) Cumpari Turiddu!

TURIDDU (rispondendo con lo stesso tono) E vostri cumnni, cumpari Jaffieddu!

JAFFIEDDU Certi voti unu non sapi comu sha cumpurtari, picch, a secunnu comu veni ntisa, na cosa nnuccenti po divintari occasioni di tragedia! (si ode, a volume pi forte, lo stacco musicale. Turiddu e Jaffieddu si spaventano e si ritrovano quasi abbracciati). Botta di sali, mi scanti! Unnera arrivatu?

TURIDDU A tragedia! (stacco musicale normale).

JAFFIEDDU - Mi hanno vintitu uno spettegolsimo che non mi ha fatto piaciri, picch tocca a vostra dignit di omu donuri! Na ssi cosi, a genti ci pasci e ni parra senza ritegnu, intra e fora misura! Stringi stringi, a storia putissi essiri sulu darrriri, ma su ognunu ci nni jinci tannicchdda po divintari longa e mpurigghisa! Haiu statu chiaru?

TURIDDU N-libru stampatu non puteva essiri cchi precisu! Cumpari, di ssu discursu era mia ntinzioni parraravnni, perci comu su mavissuvu ammittu a carni e pisci! Certu, essnnu ca linfamia cchi fitsa a porta di ncoddu u sottoscrittu, vi cunfessu ca a cosa mi pisa assai, caru cumpari, e non viru lura di libirarammnni!

JAFFIEDDU Certu, vi capisciu! Dipnni di quantavi vi purtati appressu ssa lurdia!

TURIDDU Bravu, lurdia addivintu! Precisamenti, a manciacimi maccuminciau quannu patti ppi suddtu!

JAFFIEDDU Mzzica! Oramai sppa a fari macari a crusta! Certu ca vi pisa! Ma, nata circatu mai di luvaravlla di ncoddu?

TURIDDU U pinzri lavutu sempri, chiddu ca mha mancatu ha statu u curaggiu daccuminciari. Tutti mhanu dittu ca erunu cosi intimi personali e lava risolviri ju!

JAFFIEDDU E certu! A rugna non c rimediu, cu lavi sarrspa!

TURIDDU - E vostra mugghri, Lola, chi ni dici di sta storia?

JAFFIEDDU Me muggheri non cunta picch fimmina, ma idda stissa, mi dissi ca ata persu tempu a risolviri ssu casu di cuscenza!

TURIDDU A me cuscenza ha statu sempri pulita, sunu lautri ca lhanu fitsa!

JAFFIEDDU A sula cuscenza netta non basta! Quannu u fetu si senti macari di luntanu, voli diri ca arrivau u mumentu di drisi na bedda strigghita cu acqua e sapuni!

TURIDDU Ahu, cumpari Jaffieddu, ora stati cuminciannu a stravasri. Fetu, bedda strigghita, ppi cu mi pigghistuvu? Pinzti a vui chiuttstu, ca su arrivai a stu puntu a culpa vostra e di Lola!

JAFFIEDDU Chi sta storia? Ahu, vaddti a chistu, avi quattranni ca non si sgadda e arrisultu ca a cuppa a mia e di me mugghri!

TURIDDU Ma sti nutizii cu vi desi?

JAFFIEDDU Ma comu, no dicistuvu vui ca nata avutu u curaggiu di lavarivi! E poi, basta ca vi ciarti, si senti subitu ca puzzati di pecorme o, su prifirti, di crastu!

TURIDDU - Crastu? (toccandosi la fronte) Picch si viri?

JAFFIEDDU No, (toccandosi il naso) si senti!

TURIDDU - Ppi vostra norma e regula, u bagnu mu fazzu tri voti o jornu!

JAFFIEDDU Ma allura ssu fetu cavti di ncoddu di unni veni?

TURIDDU Ahu, u chiama fetu! A luvtivi di cc, cavernicolme. Chiddu ca sintiti a famusa acqua di colonia Puledro dOriente!

JAFFIEDDU Puddtru... di unni?

TURIDDU - Ma picch a prima vota ca u sintiti diri? E na lavanna ca si metti di ncoddu ppi fari ciuru! Puledro doriente per uomo e Giumenta doccidente per donna!

JAFFIEDDU E vui, ppapprofumrivi, vi mittiti di ncoddu na lavnna ca sviluppa ssa gran puzza di fogna? Ma su mpiststuvu n-pasi sanu!

TURIDDU Vi cumpatisciu! Chiuttostu, di vui vuleva certi chiarimenti...

COLA (gridando, da casa sua) Ora mi pari ca Turiddu a sta facennu troppu fitsa. Tu, vicinu a iddu non cha stari!

SANTUZZA (gridando, c.s.) Ti scanti ca ma cuntagia?

JAFFIEDDU A chiddu ca sentu, non sugnu lunicu ca non sumprta u ciuru caviti di ncoddu!

SCENA QUINTA

Cola esce da casa sua e si dirige verso i due.

COLA (perentorio)Turiddu, su cumpari Jaffieddu ci pirmetti, ti vulissi parrari!

TURIDDU A disposizioni don Cola!

JAFFIEDDU Nutri ama finutu, tuttu u vostru!

TURIDDU (a Jaffieddu) Ppi dda spiegazioni, appoi ni parramu!

JAFFIEDDU Quannu e unni vuliti! Ossequi, don Cola! (rientra a casa).

COLA (gridando, con tono di sfida) Cumpari Turiddu!

TURIDDU (rispondendo con lo stesso tono) E vostri cumnni, don Cola!

COLA Certi voti unu non sapi comu sha cumpurtri picch, a secunnu comu veni ntisa, na cosa nnuccenti po divintari ...

TURIDDU (interrompendolo) Occasioni di sangu e cunsiguenti (si ferma e fa segno a Cola di non spaventarsi dello stacco musicale che seguir la parola tragedia) tragedia! (stacco musicale a forte volume) Don Cola, gi ssa storia a sacciu e vi pozzu assicurari ca n-problema ca non esisti, sugnu pulitissimu!

COLA E propriu chiddu ca pinsava! Turiddu, rifletteva ju, u sapi qual u so duvri: prima di pigghiari na decisioni, avssi vintu ni mia ppaddumannrimi u cunznzu!

TURIDDU Non capisciu a storia du cunznzu, per vi pozzu assicurari ca ppi mia a cosa non seria, putemu diri ca n-semplici capricciu ca pozzu cangiri quannu vogghiu!

COLA (fra s) Povira Santuzza (a Turiddu) Comu, comu? Ma vadda sta gran facci di babbu! E mu veni a diri propriu a mia?

TURIDDU E chi c di mali? Po essiri chissa comu po essiri nautra. Cu sapi quantu nha cangitu vossia, in giovent!

COLA Ju ni scigli una e mabbastau!

TURIDDU Certu, quannu unu si trova bonu, accuss! Ma su, per esempiu, a so mugghri, ci stuffva di sentiri sempri u stissu ciuru, cchi fa, vossa ci pruibva di cangiri? Ju, per esempiu, prima di chista ca haiu ora, mi nhaiu frictu di ncoddu na zammulita! Di tutti i speci e di tutti i culuri!

COLA Forsi megghu ca mi nni viju prima ca fazzu spropositu!

TURIDDU - Ma picch, chi dissi di mali?

COLA Ma allura si scemu attunnu! Nha dittu nenti! Ha sulu misu n-dubbiu a seriet mia e di me muggheri, ha dittu chiaru e tunnu ca me figghia ppi iddu n-capricciu, una comu a tutti lautri fimmini ca sha frictu di ncoddu...

TURIDDU Ju haiu dittu tutti ssi cosi?

COLA E cui, allura?

TURIDDU Ah, ora capii! Ma ju stava parrnnu di lacqua di culonia ca mi fricu!

COLA E di quali colonia, chidda etiopica?

TURIDDU No, na speci di ciuru ca mabbu di ncoddu!

COLA E a mia mava parsu... Chiddu ca nveci ti vuleva diri ju, ca a sciniggita dassra cu Santuzza a sappi tuttu u paisi. E siccomu lonuri di me figghia ppi mia troppu mpurtanti, vulissi sapiri, ora ca la cumprumittsti, cchi ntinzioni hai!

TURIDDU Don Cola, avi na vita ca a Santuzza a vogghiu beni e i me ntinzioni sunu serii...

COLA I ntinzioni sunu na cosa, i fatti nautra. Su prima non si beddu sistimatu megghiu ca sta storia cu me figghia a metti a mmoddu! Ntantu, vistu ca hai ssu bruttu viziu dabbiarti i cosi di ncoddu, cerca darrassriti di Santuzza ca megghiu ppi tia! Mi bbio spiegato?

TURIDDU Ma almenu a pozzu vriri?

COLA Certu, ma di luntanu! No sensu ca, quannu siti suli, a poi taliri e macari parrarici a deci metri di distanza! E chissu picch sugnu bonu! Mi abbio rispiegato?

TURIDDU (sconfortato) Cchi chiaru daccuss non puteva essiri!

SCENA SESTA

Santuzza esce da casa sua.

SANTUZZA (ignorando Turiddu) Oh, cc si pap!

COLA Chi fa, no virsti a Turiddu?

SANTUZZA Picch, lha salutri ppi forza?

COLA Chi centra, per dopu chiddu ca successi assra, pinzava ca...

SANTUZZA (con risolutezza) Assra non successi propriu nenti! Su appi c qualcunu ca dici ca successi cosa, vossa non cha dari pisu!

TURIDDU (cercando di minimizzare) Don Cola, u sapiti ca a vostra figghia ci piaci schirzari...

SANTUZZA (a Turiddu, come prima) Tala ca staiu parrannu seriamenti!

COLA Santuzza, ascta a to patruzzu, forsi non sai ca Turiddu fici u so duviri, si spiegau e maddumannu a to mano.

SANTUZZA (idem) Chiuttostu di darici a manu a iddu ... ma tagghiu!

COLA Nenti di menu, a ssu puntu siti arrivati?

TURIDDU Avia, Santuzza!

SANTUZZA (idem) Ju non sugnu chidda daccmutu!

COLA Sintiti, ju haiu cchi fari e non pozzu peddiri tempu a sentiri i vostri babbinrii. ( a Turiddu) Siccomu, comu staiu capennu, lonuri di me figghia salvu, ti dugnu u pirmissu di parrarici di vicinu (esce da sinistra).

TURIDDU Grazi, don Cola. (a Santuzza) Allura...

SANTUZZA (idem) Ju non thaiu a diri nenti! Anzi, na cosa ce: (segnandosi sulla fronte) nnilu nnilu u sceccu arragghiu, arragghiu a Potta Jaci non fazzu cchi paci!

TURIDDU - Avaia, finisciacclla, mu voi spiegari chi ti pigghiau?

SANTUZZA (idem) Ahu, e spatti mu dumanna!

TURIDDU Sacciu sulu cassra, a scnciu di mannrimi n-vasnu o n-ciri ppi ddi belli strofi ca ti ripitii, mi lassasti jiri du sicchi dacqua!

SANTUZZA Hai ragiunu, sbagghiai, tava lassari curriri n-ciuri... cu tutta a rasta!

TURIDDU Ma picch, chi ti fici?

SANTUZZA (idem) Ma comu, mi ripitisti i stissi strofi ca na vota ci dicisti a chidda dda, (fa segno verso la casa di Lola) e non facisti nenti?

TURIDDU Non veru, a idda ci dissi: Oh, Lola ca di latti la cammsa, si bianca e russa comu na cirsa... A tia, nveci: Oh, Santa, ca di latti la cammsa, si bianca e russa... Ha vistu ca non ti dissi i stissi cosi?

SANTUZZA (con ironia) Bih, ma quantu sugnu babba! Chi cava fattu casu ca non mi chiamasti Lola!

TURIDDU Hai vistu?

SANTUZZA Certu! Ta pozzu diri na cosa?

TURIDDU - Parra, gioia!

SANTUZZA Fatti fari i sturnelli a Jaci! (Turiddu, per un attimo resta inebetito, poi, torna a casa. Intanto, entra il coro e, assieme a Santuzza, canta ).

SANTUZZA Su tutti i stissi, non hanu spiranza,

non muta pisu su canci vilnza.

Trattlli mali fa sempri beni

pparricavrini nzoccu cummni

CORO Chissi su lomni, sintti patrni

ca vlunu sulu menzu quattrni.

Sunu cunvinti di cumannri

nveci finisci ca shanu accalri.

SANTUZZA Mstrunu i denti ppi fari scantri,

ma sunu nuddu ammisctu ccu nenti.

U dui di mazzi cca brscula a spati

vali chiossi su ssu maritati.

CORO Chissi su lomni, sintti patrni,

ca vlunu sulu menzu quattrni.

Sunu cunvinti di cumannri,

nveci finisci ca shanu accalri

SANTUZZA Nveci, u miu nautra cosa,

bonu e beddu comu na rosa,

valenti, sempri e me cumnni,

campri speru chiossai di centanni.

CORO Chissi u me omu, u me patrni,

ca vli assai, chiossi i baruni.

Senza di iddu non pozzu stari

senza u so amri non pozzu campri.

Il coro esce dalle vie laterali, mentre Santuzza rientra a casa.

SCENA SETTIMA

LISI (entra da destra, assieme a Maruzza) Ahu, ma si vera trunza. La regola sgrammaticale del capuliamento semplicissima, comu fai a non capilla no sacciu! Tu chi scola facisti?

MARUZZA Ci ji sulu ppi tri misi!

LISI E picch accuss picca?

MARUZZA Picch spattvunu u pani a scroccu.

LISI Perci, o solitu, to matri napprufittau!

MARUZZA Ca quali, non continuai cchi picch u maestru non mi piaceva!

LISI Picch, ti lava a maritari?

MARUZZA Bih scanzatini! E mi puteva maritari a tia e macari a iddu?

LISI Veru , hai ragiuni, non cava fattu casu!

MARUZZA Basta ca parra e fa u spettu ccu mia!

LISI Turnannu o discussu di prima, chiddu du capuliatu...

MARUZZA (sbotta) Uffa! Ca voi finiri cu sti discussi?

LISI Ahu, chissu u ringraziamentu! E tempu persu! A vutri analfabeti vhanu a lassari annijri nta lignuranza! A quali salvagenti... (sentendo delle voci) Sta storia appoi a cuntinuamu a casa. Poviri figghi mei, chi matri gnuranti ca ci capitu!

MARUZZA Matri, chi curu!

SCENA OTTAVA

Dalle strade laterali e dalle case escono tutti gli attori al suono di una musica adatta.

LUCIA Assitttivi, ca fistiggiamu u ritornu di Turiddu. Cu ma duna na manu?

Le donne, ad eccezione di Santuzza e Lola, seguono Lucia a casa sua e laiutano a portare fuori un secondo tavolo, gi apparecchiato con boccali di vino, bicchieri e altro, che viene accostato allaltro gi presente in scena. Inoltre, sistemano alla destra dei tavoli una panca e due sedie alla sinistra degli stessi. Nello stesso tempo, gli altri sintrattengono a dialogare: Cola con Jaffieddu e Lisi, il Sindaco con Neddu. Turiddu resta bloccato fra Lola e Santuzza e ogni qualvolta una delle due gli rivolge la parola, lo fa girare a forza e sempre nello stesso verso come un pupazzo, fino a trovarselo di fronte.

LOLA (a Turiddu) Subitu tattruvasti a ttaccagghia, veru?

TURIDDU (a Lola) Tu, nveci, a strugghilli i ttaccagghi si maestra!

SANTUZZA (a Turiddu) Parrava cu tia dda bona fimmina ca chai attagghiu?

TURIDDU (a Santuzza) No, si mummuriava sula!

LOLA (a Turiddu) A comu tarridducisti? Ancora nenti e ti misi a fartta!

TURIDDU (a Lola) Comu facisti tu ccu Jaffieddu!

SANTUZZA (a Turiddu) A chiddu ca viru sempri a na banna ci lhai u pinzri!

TURIDDU (a Santuzza) Ma quannu mai!

LOLA ((a Turiddu, con sensualit) Avissi bisognu di unu praticu, ppi lustrarimi i mobili!

TURIDDU (a Lola) Fai finta ca cancii mistri!

SANTUZZA (a Turiddu) Si po sapiri chi voli chissa?

LOLA (a Turiddu) Ci tegnu ca mi lustri tu!

TURIDDU (protestando, fa un balzo indietro) Ahu, ca vuliti finiri, ca mi stiu siddinnu!

SANTUZZA e LOLA (con forza) Chi fai tu?

TURIDDU (timidamente) Chaiu a fari? Nenti! Vuleva sulu diri ca, su non vi porta disturbu, ogni tanto u giru mi piacissi fallu macari o cuntrariu: custioni ca mi gira a testa e pozzu... vumitari! Sulu ppi chissu!

SANTUZZA e LOLA (assieme, prima spingono Turiddu verso il proscenio e poi si uniscono agli altri) Vo fatti abbuattri!

JAFFIEDDU (gridando, con un incedere spocchioso, si dirige verso Santuzza) Cummari Santuzza, (gli astanti fermano la loro conversazione per ascoltare le parole di Jaffieddu, poi, sempre tenendolo docchio, ricominciano a parlare per smettere ancora allorquando riprende) appi, (si ferma, si guarda attorno, mentre gli altri riprendono a parlare) dda facnna gravi (idem) ca ci cunti ajri, (idem) sabbissu!

TUTTI - (compiaciuti) Oooh!

SANTUZZA Ata vistu ca non era accuss cumplicata!

LUCIA Semu pronti! Tutti a tavola! (i presenti, si sistemano attorno al tavolo, in piedi o seduti).

SABEDDA Forza, mintemu manu!

LUCIA - Cuminciamu ccu na passata di viscotta fatti n-casa! (Lucia e Maruzza servono).

LISI Ma chi sunu i cosa duci da monica?

MARUZZA No, chiddi du saristanu!

LISI Ma quantu addivintasti matlica!

MARUZZA Matri chi cauru!

SABEDDA (con la bocca piena) Sti viscotta non si ponu luvari da vucca!

NEDDU E lura dabbagnrini u pizzu! (servono il vino)

JAFFIEDDU Donna Lucia, chi vinu ni uffrti?

LISI (a Lucia) Cumpari Jaffieddu si ni ntendi e perci non putiti sbagghiari!

LUCIA Ni mia u nchiuppiti ha statu sempri eccillenti!

COLA Chissa virit!

LUCIA Ma chistu spiciali spiciali! U fici arrivari apposta di Passupisciru!

MARUZZA Cosi ccu micciu!

SABEDDA E chiddu ca merita Turiddu!

NEDDU Assppunu comu i sponzi, sti viscotta!

TUTTI (alzano i bicchieri) A saluti di Turiddu!

LUCIA Ma chi sta liscimria di sbrinnisi. Cc ci vlunu i mastri da rima.

SABEDDA Facemu accuminciari a don Cola.

MARUZZA Certu, ci spetta di dirittu comu primu puta ricanuscitu!

COLA Vi nni fazzu una allimprntu, cura cura.

NEDDU Comu a ricotta nta fascedda!

COLA (declama)

Non stiu declamnnu picch puta finu

e mancu ppelugiari stu nttari di vinu.

Sti rimi su diretti o nostru paisnu

ca ppi tantanni ha statu assai luntanu,

Turiddu u so nomu, picciottu assai ginisu

amabili, sinceru e sempri ginirusu.

TUTTI (alzando i bicchieri) Apprsit!

SABEDDA E bravu don Cola! Belli palri sintimintsi!

LISI (a Maruzza ) Ti staddubbnnu comu na lapardra!

MARUZZA Mi stanu arrivannu na lugnu di peri!

SABEDDA Turiddu ta senti di fari sbrnnisi?

TURIDDU Certu ca ma sentu! (declama)

Sugnu cuntentu di staccoglienza

e vi lu dicu cu tutta a cuscenza.

Cu stissu sensu vi dicu macari

chaiu na pena ca mi fa sbambari.

Lanticu amuri ca sempri rispettu

haiu pirdutu e non trovu rizzettu,

sugnu dispostu ppaviri a me zita

di dari lonuri, i me beni e la vita

SANTUZZA e LOLA (alzandosi in piedi, con sentimento) Oh, Turiddu!

TURIDDU Sentu ca ancora mi voli beni

e sempri aspettu ca idda mi veni

TUTTI (tutti, ad eccezione di Jaffieddu, alzano i bicchieri) Apprsit!

JAFFIEDDU (posa violentemente il bicchiere sul tavolo, mentre gli altri si alzano in piedi impauriti) Mumentu ca parru ju! Scusati questa mia trasta di sponda e di fora trazzra, ma datu ca qualchidnu, di sgalcciu, si pirmsi di muntuvri una pissundda che ho stampata nto cori, mi ho sentito costretto a intervenire. In questa pubblica piazza, cari parenti, amici e paesani, qualcunu sbagghi, sbagghi a buttari alla sanfas palore fora misura che si hanno trasformate sotto forma di cutulsci, cuticchini e mazzacni. Ma a ccu voli babbiri questo papiractta sciacqualattchi? Che si pemmette di dire sproposizioni semplici e anche articolate, nsinuose e anche insidiabili, contru la mia signora, la vavarella dei miei occhi o ppi meglio dire il cito dei miei pommni!

LOLA (alzandosi, con sentimento marcato) Oh, Jaffieddu!

JAFFIEDDU Stassi accra, picch la troppa aria di continente ca pigghiu alivti ci fici mali e u fa stravasari! Siccomu le palre abbiti hanno (rimarcando) purnche mancato di rispetto allonorabilit della mia pessna in pessna davanti a pessne, questa macchia sha lavari cchi prestu possibili! (resta immobile fino alla sua prossima battuta, tenendo i pollici dentro la cinghia, muovendo lentamente la testa su e gi e ostentando in viso una smorfia da malandrino).

MARUZZA Certu, su ssa macchia non si leva subitu, po essiri ca non ci passa cchi!

NEDDU Dipnni chi macchia !

SABEDDA Chiddi di pssica e di cusa sunu i cchi tinti a luvrisi!

MARUZZA Cata pruvatu ca varichna?

SINDACO Ca vuliti finiri? Cc, ccu nautru tanncchia, ppu sangu a lavna caccumincer a scurriri, ci sar bisognu di salvagenti, e iddi parrunu di lavanderia domestica! Chiuttostu, su c qualchidnu ca (guardando Turiddu) si senti puncitu, su, piracsu, voli jnciri utri cosi, facissi n-passu avanti! (tutti, tranne Jaffieddu ed il Sindaco, fanno un passo indietro) Ma chi capistuvu? Vuleva diri, qualcuno ca... (indica con le mani Turiddu, ma nessuno si muove) Nsumma, signuri mei, parrmini a caccarra, Jaffieddu cchi chiaru daccussi non puteva essiri: c na macchia ca sha lavari! A po lavari iddu sulu? Mai e poi mai!

MARUZZA Ma quantu a stati puttnnu a longu, factimi avvriri ssa macchia ca va levu ju allistanti e accuss ca finiti!

LISI Parri quantu na carcarzza, statti muta!

MARUZZA Matri chi curu!

SINDACO Cu ssa pirsunedda ca ci po fari cumpagnia a cumpari Jaffieddu ppi luvari a macchia?

TUTTI (tranne Lucia e Turiddu) Cumpari Turiddu!

VFC Hanno futttu a cumpari Turiddu!

TURIDDU Ju? Chi centru ju?

TUTTI Certu ca centri!

TURIDDU Vaddti ca c sbagghiu! Non haiu nzuttatu a nuddu e mhaiu fattu laffariceddi mei! Chi nncchi nnacchi ca ha essiri ju a farici cumpagnia a Jaffieddu!

JAFFIEDDU Ma comu, non sintiti mancu a raggia ca varrubbi a zita? Crastni!

TURIDDU Ca quali, anzi vi ringraziu ca mi luvstuvu ssa cutra di ncoddu! (tutti sallontanano dai due)

JAFFIEDDU Non mi tiniti ca u scafzzu... (siccome nessuno accenna a tenerlo) Ahu, carsi, a stu puntu qualcunu a fari a parti ca mi teni, masenn mu stutu prima du tempu e semu custritti a chiriri a scena! (Lisi e Cola lo trattengono per le braccia)Allura, unni era arrivatu?

SINDACO Precisamente alla palora (scandendola) scafzzu!

JAFFIEDDU Grazi (agli altri) Pronti, via! Non mi tiniti ca u scafzzu! Prima schifiu il mio onore ccu dda speci di sbrinnisi di secunna manu, ora sta nzuttannu al giglio profumato di me muggheri...

LOLA (con sentimento marcato) Oh, Jaffieddu!

JAFFIEDDU - Finu a quannu Turiddu ti nabuserai da me pacenzia?

SINDACO Chissa a dissi Catilina.

JAFFIEDDU Quali Catarina? A diceva sempri a bonanima di me nannu Suluvstru!

LUCIA - Turiddu, almenu, tu puttasti u cuteddu da passeggiu?

TURIDDU Stati pigghiannu na cosa ppi nautra! Antra, nto me sbrinnisi parrava di Santuzza, chi ci trasi Lola!

SANTUZZA (con sentimento marcato) Oh, Turiddu!

LOLA Ah, si? (a Jaffieddu) Fiddululu!

TURIDDU Ahu, ma siti di n-salvaggimi e narritratmi bestiali! Picciotti, arrusbbighiativi! Nta stu paisi, basta nenti e subitu sbambuliti! E chi schifiu siti! U sapiti chi vi dicu, ju mi nni tornu a suddtu!

TUTTI Oh, la gran malacumpssa!

SINDACO Turiddu, ascta a mia ca sugnu cchi granni! Arrivatu a stu puntu, ti cummeni farici cumpagnia a cumpari Jaffieddu, ci faciti u candeggiu a ssa macchia e, poi, sempri su resti ancora addtta, ti nni poi jiri unni voi!

TURIDDU - U ringraziu ppu cunsigghiu, ma oramai a dicisioni pigghiata fu!

SANTUZZA (con forza) Ma chi omu mi rapprisenti? Ma ci nhai unri, curaggiu o si n-poviru cascittni? Perci, Jaffieddu ti sfida, ti duna loccasioni ppaddimustrri ca si omu di sustanza e tu scappi? Ma non taffrnti? Faccllu avvriri ca hai sangu nte vini. Ma chi ssi pisci a broru? Arrispnnici, fallu valri n-sordu e comu finisci si cunta, a costo (con tono commosso)di ristari vduva prima du tempu! S, megghiu vduva ca mala accumpagnata! (dopo una breve pausa, a Turiddu rimasto immobile) Vadda, su no sfidi tu u fazzu ju!

TUTTI Oh, la gran malacumpssa!!

TURIDDU (dopo un attimo di silenzio, a Lucia con decisione) Om, u stringipnza du op!

LUCIA- Ma Turiddu...

TURIDDU Ti dissi, u stringipnza! (Lucia entra a casa e ritorna con un panciotto che Turiddu prima bacia e poi allaccia alla pancia) Ora ci semu! Unni era arrivatu?

SINDACO Precisamente alla palora stringipnza!

Mentre dialogano, luno gira attorno allaltro, con movenze da guappo, come nella scena quarta.

TURIDDU Grazi! Allura, di chiddu ca staiu capennu, sta speci di bracilittni ammaccrruntu e vsciudavnti, si pemmsso di fare u spacca e lassa nei confronti del qui presente e personalmente sottoscritto, senza penzare che mi basta n-semplici ciuscini ppi fallu abbulri! Arrivu u spettu da cumpagnia e nveci di parrari ccu crinza, ha cuminciatu a fari n-discursu a piede di banco, sparannu ammtula fissari contru a unu megghiu di iddu! Il consiglio che ci pozzu dari, su non voli assuppri vastunti a leva pilu, chiddu di andarci liscio e mettilla a moddu currennu currennu o annunca, e sottolineo annunca, arricugghrisi i pupi, nfirrittrisi a casa mutu mutu e pigghilla nte cianchi!

SANTUZZA (con sentimento marcato) Oh, Turiddu!

JAFFIEDDU Su i mei erunu fissari, vui a chippira megghiu ca va sparti cu chiddi comu a vui, scarsi di sali, ma no ccu mia, ca fazzu pruvulzzu unni vagntu! Ata a sapiri che ppi mia abitudini, nelle custioni di cori, non ci ho andato mai lisciu, nte manu haiu avutu sempri carrichi e spatti di brscula! Nenti nenti vi fa parrari u fattu ca vi sintiti vavalci?

TURIDDU E chi tagghia rassu! Prima crastni, ora vavalci, ma chi vuliti significari, ah? Guai a ccu mi teni! (prima, saffanna a cercare qualcosa nelle tasche e nel panciotto, poi, rivolto alla madre) Om, ma u cutddu du op unni jiu a finiri?

LUCIA Turidduzzu, ma chista non tragedia! (stacco musicale).

TURIDDU Va beni, non sar tragedia, ma almenu n-pocu di rispettu! Perdinci! (gli astanti si guardano fra loro meravigliati) Quannu ju dicu Guai a cu mi teni, qualcunu almenu a mossa di firmarimi lha fari! Antra, ppi Jaffieddu... (come dire: Lavete accontentato). Non pritnnu autru! Pronti? Guai a ccu mi teni! (Lisi e Cola lo trattengono, poi, rivolto a Jaffieddu) E inutili ca mammustrti i scagghini! Ppi mia siti un semplici scazzmmulu o verusa n-cucmmuru malu arriniscitu! Su vuliti essiri sminnittitu di mia parrti, ca vi servu subitu!

JAFFIEDDU (ride, imitato dai pi) Ah, ah, ah! Ma u sintistivu a chistu? Mi sminnitta! (idem) Ah, ah, ah! Mi staiu ciaccnnu di risati! (smette la risata di botto, cos come gli altri) Vui, a mia, mancu n-sgaggini mi faciti! Siccomu sacciu quantu rtuli pisati, megghiu ca vi faciti accattri di cu non vi canusci! Sintiti, cosu ca non sirviti, vi cummeni arrassrivi ca mi stati facennu mmira! (Turiddu, alza la mano come se volesse chiedere il permesso a Jaffieddu, poi savvicina al Sindaco)

TURIDDU Sinnucu, cabbastu chiddu cha dittu... ppi dda macchia?

SINDACO Cabbsta e cassupcchia! Allura, provto che ci sono i buoni motivi per svolgere un regolare duello in base allart. ecc. ecc. del codice donore, si rende pubblico che: 1) Lappuntamento fissato a domani mattina allalba in questa piazza. 2) I titolari della scirra, i cosiddetti sciarrni, devono presentarsi a digiuno; 3) Per il duello di c.s., i soldi per le tasse comunali, assieme allIrpef, lInps, lInail, e lIci vanno pagati,- e spatti di cussa,- al qui presente. A testa vi venunu cincucntu euru cchi Iva.

TURIDDU - Cincucntu euru...

JAFFIEDDU Cchi Iva? Arrivu u z bunnnzia!

SINDACO Ahu! Non sunu mai cuntenti! Prima saddivttunu a fari duelli nsichitanza e poi nuddu voli pavri i tassi! Ma dicu ju, u solu pubblicu u vuliti gratis? A pulizia da chizza non ca mittiti? Lattuparlnti, a luci, lacqua e u gas i vulti pavri?

JAFFIEDDU Ma quali acqua?

TURIDDU Ma chi centra u gas?

SINDACO E su mi veni cori di n-caf? Senza acqua e senza gas comu u facemu? Sintiti picciotti, ancora semu n-tempu, facemu finta cama schirzatu e non si nni parra cchi!

TUTTI Oh, la gran malacumpssa!

JAFFIEDDU - Lutra vutzza, quannu fici u duellu cu zu Peppi Panzamdda, mi custu di menu!

TURIDDU U capii vah! Cumpari Jaffieddu, questo filmis me lho gi visto! Fozza, n-coppu di curaggiu e abbijmu i carti n-terra: ppi casu va stati facennu di ncoddu? Ju sugnu dispostu a nsciri macari milli euro, ma duellu ca sha fari!

JAFFIEDDU Cu vui, u fazzu senza manu e spatti assitttu n-poltrona! Sinnucu, cc ci sunu i soddi! (porge i soldi al Sindaco).

TURIDDU (idem) Chisti sunu i mei!

SINDACO A postu! (fregandosi le mani) Su voli Diu, ni viremu dumani matina!

TURIDDU (a Santuzza) Stanotti ti vegnu a truvari!

SANTUZZA (con sentimento marcato) Oh, Turiddu!

Gli astanti, portano via i tavoli e le sedie, poi, escono tutti. Subito dopo, Turiddu ritorna in scena portando due grossi candelieri, li dispone ai piedi della panca sulla quale si distende. Prima, per, si lega una fascia fra il mento e la testa e incrocia le braccia come fosse defunto.

LUCIA (uscendo da casa, alla vista di Turiddu si dispera). Turiddu chi fu? (verso il pubblico e dando le spalle a Turiddu che cerca dattirare lattenzione della madre). Comu mi mossi u beddu figghiu! Non appi mancu u saziu di farisi u duellu! Chissa raggia di cori fu! Cuppa di ddi fimminazzi scilliri! Curna du me cori!

TURIDDU Om, vivu sugnu!

LUCIA Salartu Diu! Mirculu, mirculu, Turiddu abbruriscu! Comu ti senti, beddu da mamma!

TURIDDU Comu hai a stari? Ca bonu!

LUCIA Allura ccavisti?

TURIDDU Nenti, faceva a prova ppi dumani! Ppi viriri comu pareva!

LUCIA Ah, si! Tu taddivtti e a mia mi fai moriri davru? Ora tabbssu ppi festi! (lo rincorre per tutto il palco fino a quando Turiddu, portandosi dietro la panca, non si rifugia a casa. Poi, la donna, prende i candelabri e rientra anche lei).

SCENA NONA

Dalle uscite laterali entra il coro e canta.

SOLISTA Ancora a storia non cumpleta,

nenti sapemu comu finisci:

vinci Jaffieddu oppuri Turiddu?

Chianci Santuzza oppuri Lola?

CORO A cosa bella chidda ca tutti

non pussidennu a palla di vitru

ama spittri ccu santa pacnzia

chiddu ca manna u Signuri du cielu.

SOLISTA Navissi sensu su tutti sapssimu

tutti li fatti ca sunu gi scritti,.

non fussi vita su nni mancssunu

i desiderii, li sogni e a spiranza.

CORO A cosa bella chidda ca tutti

non pussidennu a palla di vitru

ama spittri ccu santa pacnzia

chiddu ca manna u Signuri du cielu.

Il coro esce da dove entrato.

SCENA DECIMA

In scena vengono illuminati soltanto il balcone di Santuzza e il centro palco dove andr Turiddu. Il giovane, esce da casa sua e si avvicina, con cautela e guardandosi attorno, alla casa di Santuzza. Giunto sotto il balcone dellinnamorata, per richiamare la sua attenzione, comincia a fare il verso del cane, dapprima con un filo di voce, poi sempre pi forte, fino a quando non sente il guaire di Santuzza che, nel frattempo, si affacciata. Al loro duetto, si aggiungono altri caotici latrati provenienti da fuori scena. Turiddu, allora, per placare tale canea, tira fuori una bacchetta e, come un direttore di coro, riesce ad armonizzare i latrati fino ad ottenere silenzio.

SANTUZZA Dicu ju, c bisognu ppi forza dabbairi, non mi po fari nautru signali? Ha vistu chi schifiu ca successi?

TURIDDU Ma su lhaiu pruvatu tutti! Tu ricordi quannu, a ddi tempi, ti friscava?

SANTUZZA (con sentimento) Certu ca mu ricordu! Appena attaccavi, tuttu u paisi appressu a tia a friscari.

TURIDDU E quannu pruvai a cantari?

SANTUZZA Tutti a friscari!

TURIDDU Chissa non lhaiu caputu mai!

SANTUZZA Ppi fozza, si cchi stunatu da campana di Malpassu!

TURIDDU (con passione) Non parramu cchi du passatu!

SANTUZZA (incredula) Ma picch, tu pensi ca nuatri avemu navviniri?

TURIDDU - Sugnu cchi ca sicuru!

SANTUZZA (sospirando) Beatu tu ca ci criri! (risentita) Accntu virmu comu finisci dumani! (Turiddu tenta di parlare) Mutu, megghiu ca ti stai mutu prima ca scinnu e ccu n-colpu di lasagnatri talluppu! Dicu ju, ma di unni ti spccia a mittriti ccu cumpari Jaffieddu, ca lultimu duellu u pessi allasilu! Ma accuss a voi campari a famigghia, sparnnuti i soddi duelli duelli? E quant bunnanzisu: (imitando la voce di Turiddu) ju macari milli euru ci mettu! Comu su non ci luvassi da vucca e so figghiareddi e a mia!

TURIDDU Quali figghiareddi?

SANTUZZA Ahu, ccu dda gran facci di mpigna spatti mu dumanna! Secunnu tia quali figghi ponu essiri? Ca i nostri!

TURIDDU I nostri? Ma su ju, ancora...

SANTUZZA Sintendi, chiddi ca ancora hanu a nasciri! (Turiddu tenta di parlare) Ti dissi di stariti mutu! Senti, tu staiu dicennu ppi lultima vota, su hai ntinzioni di sfidari a cui , megghiu ca ti cerchi a nautra!

TURIDDU Ma su fusti tu ca mi cunvincisti!

SANTUZZA Ahu, spatti mi rinfaccia ca u salvai di na gran malacumpssa! Ma su ta stavi squagghinnu!

TURIDDU - Lu fjiri virgogna, ma sarvamntu di vita!

SANTUZZA - Ma ci lhai tannicchedda dunri?

TURIDDU Unri?

SANTUZZA Scusa Turiddu, lunri chi ti pari na fedda di cutuletta? Unuri voli diri putiri caminari a frunti uta davanti a tutti e specialmente davanti e figghi!

TURIDDU - Quali figghi?

SANTUZZA E ci torna! Senti, parramini chiaru, ci nhai o no ntinzioni di maritarimi?

TURIDDU Ca certu ca ci lhaiu!

SANTUZZA - Ci nhai o no ntinzioni daviri figghi ccu mia?

TURIDDU Ca certu ca ci lhaiu!

SANTUZZA E allura, di quali figghi pozzu parrari: de nostri, pagghilu!

SCENA UNDICESIMA

Si sente il rumore del chiavistello della porta di casa di Santuzza, ed appare Cola. Turiddu, in punta di piedi e con le braccia alzate, come se accennasse dei passi di danza, cerca di allontanarsi.

COLA Fermu ddocu, villanzone! Veni cc, subitu!

TURIDDU Oh, don Cola! (savvicina timidamente a Cola) Chi bella sirata!

COLA Haiu limpressioni ca antra non mi abbio spiegatu bonu! Ti dissi ca quannu siti suli, a Santuzza ci po parrari a deci metri di distanza! Secunnu tia, ca facisti u suddatu, c ssa distanza o cchi picca?

SANTUZZA Pap, iddu non centra! Picch... picch ... ccu scuru, no virva bonu e... ci dissi davvicinarisi ppi dirimi lurariu!

COLA Statti muta, figghia munzignra trapulra! Anzi, trasitnni cappi ni facemu i cunti! (Santuzza, prima di rientrare a casa, manda un bacio a Turiddu, questi ingenuamente ricambia facendosi scorgere da Cola). Ahu! Non c cchi munnu! Ma fanu sutta locchi! (a Turiddu) Veni cc e giriti! (Turiddu obbedisce. Cola, prende la rincorsa e gli sferra un calcione nel sedere) Bonanotti e no fari cchi! (rientra a casa sua).

TURIDDU Bon riposu a vossa! (con la spinta del calcio, si avvicina velocemente a casa sua e scompare dentro).

VFC Hanu abbuddto a cumpari Turiddu!

SCENA DODICESIMA

Un attimo di buio, poi, luce a regime. Da tutte le entrate sopraggiungono gli attori. Mentre il Sindaco sta al centro, coloro che parteggiano per Turiddu (Lucia, Cola, Santuzza, Maruzza) si sistemano a sinistra, quelli per Jaffieddu (Lola, Lisi, Neddu, Sabedda) a destra. I due gruppi eseguono dei piegamenti a ritmo alternato.

SINDACO Entrino in campo i sciarrni! (dalle rispettive abitazioni, abbigliati come antichi guerrieri, escono Turiddu e Jaffieddu, percorrono il proscenio salutando il pubblico e poi si posizionano davanti ai propri sostenitori) Venghino, venghino! Signore e signori, siamo riuniti in questa pubblica piazza per presentarvi uno spettacolo senza precedenti, un fantastico duello che mai nessuna Cavalleria Rusticana ha fatto vedere. Ammirerete con i vostri occhi Turiddu e Jaffieddu, (invitando i due) salutate il pubblico, (avanzano e salutano) che si sfideranno a singolar tenzone dando vita ad una cruenta lotta fino allultimo spasimo! (applauso) Grazie, grazie! Spazio alla pubblicit!

I sostenitori di Turiddu si posizionano su una fila, mentre questultimo sta davanti a loro ed iniziano la danza Haka. Mentre quelli di Jaffieddu, li guardano in silenzio, con le braccia incrociate.

TURIDDU (urlando e dimenandosi, verso gli avversari) Cumpari Jaffieddu, stati attentu! (Lucia, Cola, Santuzza e Maruzza, fanno un balzo in avanti a gambe divaricate, con le braccia piegate ad angolo retto in avanti, i gomiti in fuori e i pugni chiusi. Il loro volto duro e rivolto verso laltro gruppo).

LUCIA, COLA, SANTUZZA e MARUZZA (gridando) Siiii!

TURIDDU (c.s.) Vi facemu a saszza!

LUCIA, COLA, SANTUZZA e MARUZZA (mentre ripetono a ritmo le parole sotto riportate, battono per sei volte le mani sulle gambe ancora divaricate, poi, due volte sul petto, rivolgono le braccia verso il cielo, poi le battono ancora due volte sulle gambe e una volta sul petto. Alzano il braccio destro con il pugno chiuso e con laltra mano battono sullavambraccio, poco sopra il gomito, fin quanto basta a completare le imprecazioni).

Vi finisci a sasizza,

annunca megghiu a spizzatinu

cu cuntorno di patati.

Vi fracassamu la testa,

e vi mannamu o spitli!

Eeeeeeeeh! (mostrano la lingua agli avversari).

SINDACO (rivo